Cerca

Usa, segnali di ripresa

Il pil cresce del 3,5%

Usa, segnali di ripresa
Il prodotto interno lordo degli Stati Uniti segna, nel terzo trimestre 2009, il primo rialzo da oltre un anno con un tasso di crescita del 3,5%, in base alla prima stima diffusa oggi dal dipartimento del Commercio. Il dato è anche superiore alle stime che gli analisti avevano previsto, un +3,2% e si raffronta con un -0,7% segnato nel secondo trimestre del 2009.  Definita dalla Casa Bianca una “pietra miliare benvenuta” la crescita del 3,5% del pil nel terzo trimestre non fa ancora sorridere tranquilli. C’è ancora molta strada da fare per avere una piena ripresa. "Dopo 4 contrazioni trimestrali consecutive - commenta il consigliere della Casa Bianca Christina Romer - un dato di crescita positiva è incoraggiante, vuol dire che l’economia Usa si sta muovendo nella giusta direzione. Tuttavia - prosegue la Romer - questa benvenuta pietra miliare è solo un altro passo e abbiamo ancora molta strada da fare per arrivare ad una piena ripresa. La ripresa del mercato del lavoro - spiega - e degli indici di occupazione e disoccupazione tipicamente arrivano dopo la ripresa del pil. Ci vorrà una sostenuta, robusta crescita del pil per portare sostanzialmente giù la disoccupazione. Il calo dei disoccupati è, naturalmente l’obiettivo a che stiamo cercando di ottenere". Intanto la spesa dei consumatori americani, che rappresenta il 70% del pil Usa, ha registrato un rialzo del 3,4% negli ultimi tre mesi rispetto a una contrazione dello 0,9% segnata nel trimestre precedente. A rendere noti i dati è sempre il dipartimento del Commercio che diffonde la prima stima del pil Usa, secondo quanto scrive Bloomberg. Il dato è anche superiore alle stime degli analisti che avevano previsto un rialzo dei consumi del 3,1%.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog