Cerca

Pakistan, trovato il passaporto

di un terrorista dell'11/9

Pakistan, trovato il passaporto

Durante un’azione di rastrellamento la polizia pakistana ha ritrovato in Sud Waziristan, il passaporto di una delle menti degli attentati terroristici dell’11 settembre 2001. Said Bahaji, cittadino tedesco, è sulla lista degli uomini più ricercati dalle agenzie di sicurezza internazionali di mezzo mondo. È considerato esponente di spicco della cellula tedesca di Amburgo di Al Qaida, della quale facevano parte Mohamed Atta, il terrorista kamikaze che dirottò il volo delle American Airlines che colpì la torre nord del World Trade Center, e Ramzi Binalshibh, che invece non riuscì a partecipare all’attentato e che ora si trova nella prigione di Guantanamo. Per gli investigatori, Bahaji, esperto informatico, aveva fornito al gruppo di kamikaze partito per gli Usa assistenza logistica e finanziaria. “Il passaporto - secondo una fonte della sicurezza di Islamabad - reca un visto d’ingresso del 4 settembre 2001. Ciò dimostra che il terrorista è arrivato in Pakistan pochi giorni prima degli attacchi negli Stati Uniti. Potrebbe aver viaggiato da qui in Afghanistan per informare Bin Laden del piano e dei tempi della sua esecuzione”.  L’operazione portata a termine nella regione al confine con l’Afghanistan arriva proprio mentre nel paese il segretario di Stato americano, Hillary Clinton, è in visita ufficiale. La Clinton non ha risparmiato critiche alla polizia pachistana che, secondo il segretario di Stato americano, non può non sapere dove si nascondono e operano le cellule di al Qaeda.     

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog