Cerca

Troppi turisti della morte

La Svizzera rivede l'eutanasia

Troppi turisti della morte
La Svizzera è pronta a dire basta al turismo della morte: è una brutta pubblicità per il Paese d'oltralpe. La clinica Dignitas, che aiuta centinaia di malati terminali a togliersi la vita, potrebbe essere chiusa agli stranieri, e ridotta per gli altri. Il piano è quello di frenare l’afflusso di aspiranti suicidi dalla Gran Bretagna e del resto d’Europa: la Svizzera infatti è diventata la meta preferita di chi vuole l’eutanasia. Eveline Widmer-Schlumpf, ministro della Giustizia, ha detto che porterà in parlamento due opzioni: le cliniche dovranno accettare regolamenti molto più severi, oppure chiudere. Le nuove norme prevedono che un medico certifichi l’incurabilità della malattia e dia morte per certa entro pochi mesi. Le polemiche riguardano soprattutto la clinica Dignitas: alcuni malati non sarebbero affatto agli sgoccioli, e almeno un paio sono solo molto depressi o malati cronici. “Non sarà possibile, in futuro, attraversare la frontiera e andarsi a suicidare con l’accordo di una qualche associazione”, dice la ministra. Chi somministra farmaci mortali sarà poi controllato a vista. Ludwig Minelli, fondatore di Dignitas, ovviamente ha detto che la proposta del ministro “è obsoleta e paternalistica. Tagliando il suicidio assistito per i cronici e i depressi il governo promuoverà i suicidi sui binari dei treni”. La stretta sull'eutanasia svizzera sarà poi un freno al resto dell'Europa, e bloccherà il dibattito sulla liceità o meno della pratica.  Almeno 400 persone si sono rivolte alle cliniche per essere suicidati nel 2007, 132 delle quali provenivano dall’estero.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400