Cerca

Madri di piazza Tienanmen

lettera aperta ad Obama

Madri di piazza Tienanmen
 Di piazza Tienanmen in Cina non si può neanche parlare. E così Ding Zilin, la fondatrice delle madri di Piazza Tiananmen, s'è imposta un gesto coraggioso. Ha chiesto al presidente americano Barack Obama, con una lettera aperta, di intervenire presso le autorità cinesi perché scarcerino Liu Xiaobo, l' intellettuale in prigione da quasi un anno per aver promosso il documento pro-democrazia Carta 08. Obama arriverà in Cina domenica prossima per la sua prima visita ufficiale nel Paese. La donna, il cui figlio di 19 anni fu ucciso il 4 giugno del 1989 nel massacro di piazza Tiananmen,  ricorda al presidente: "Come presidente del più grande Paese democratico del mondo, le sue azioni giocheranno un ruolo decisivo". E ancora: "Il fatto che la polizia possa, con la sola forza bruta, privare un cittadino del suo diritto alla libertà di parola e della sua stessa libertà personale, e che questo possa avvenire nel 21esimo secolo in grande Paese come la Cina, deve risultare intollerabile ai leader di tutte le nazioni civili, ed in particolare al leader del Stati Uniti d' America".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog