Cerca

La Turchia "grazia" Ocalan

Stop all'isolamento in cella

La Turchia "grazia" Ocalan
 Il governo turco ha deciso di mettere fine al regime di massimo isolamento a cui è sottoposto dal 1999 Abdullah Ocalan, leader del Partito dei Lavoratori del Kurdistan (Pkk) e finora unico detenuto del carcere che sorge sull'isola di Imrali, non lontana da Istanbul. Lo riferisce l'agenzia Dogan, spiegando che cinque detenuti sono stati trasferiti in quel carcere. La mossa è vista come un nuovo passo nell'ambito del piano di «democratizzazione» proposto dal governo turco, che mira a mettere fine, con una stragia politica, economica e sociale, alla questione curda. Il Pkk è un'organizzazione indipendentista curda, nelle liste nere del terrorsimo di Unione europea e Stati Uniti. Secondo, la decisione di Ankara è stata presa in seguito alle richieste del Consiglio d'Europa, che ha più volte affermato che la salute mentale di Ocalan si sta deteriorando a causa del prolungato isolamento. Catturato nel 1999, il leader curdo, 60 anni, è stato condannato prima alla pena di morte, che poi è stata abolita in Turchia. Oggi sconta un ergastolo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog