Cerca

Battisti, estradizione incerta

Il Brasile: "Italia fascista"

Battisti, estradizione incerta
Non è ancora certa l'estradizione di Battisti. Il presidente brasiliano Lula da Silva, secondo quanto riferito da fonti governative, non avrebbe intenzione di estradare l'ex terrorista dei Nuclei Proletari Armati per il Comunismo, condannato in Italia per omicidio, nonostante una sentenza della Corte suprema. Lo ha detto una fonte governativa di alto profilo. La Corte suprema brasiliana aveva deciso mercoledì per l'estradizione di Battisti, lasciando però l'ultima parola a Lula.

Intanto arrivano, pesantissime, alcune dichiarazioni del ministro della Giustizia brasiliano, Tarso Genro.  "Il fascismo in Italia va rafforzandosi anche nel governo", ha detto al quotidiano  «Estado de S.Paulo».  E poi ancora: "L'Italia non è un paese nazista o fascista,  ma si sta constatando una crescita preoccupante del fascismo in parte della popolazione italiana. Il fascismo va rafforzandosi anche in settori del governo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • kinowa

    21 Novembre 2009 - 10:10

    Spero non si verifichi, ma nel caso fosse, il nostro Governo dovrebbe chiudere i rapporti col Presidente Lula.

    Report

    Rispondi

  • petrolio

    petrolio

    20 Novembre 2009 - 20:08

    Il militante rosso, ex combattente comunista Genro, farebbe bene a venire in Italia per vedere la differenza di vita, di legalità, e di democrazia che c'è a confronto con il Brasile. Ma la sua parlantina è solo ad uso esclusivo di quei quattro comunisti brasiliani, che credono ancora nella cravatta rossa che Genro porta sempre al collo.

    Report

    Rispondi

blog