Cerca

Cina, latte alla melamina

Eseguite 2 condanne a morte

Cina, latte alla melamina

Sono state eseguite in Cina le prime due condanne a morte per lo scandalo del latte contaminato alla melamina, che ha provocato la morte di almeno sei neonati e l'intossicazione di altri 300mila bambini. La sostanza tossica era utilizzata per aumentare artificialmente il valore proteico del latte. Lo riferisce Nuova Cina. Lo scandalo del latte contaminato era scoppiato a settembre 2008.

Il primo condannato è Zhang Yujun, che ha prodotto e venduto latte in polvere contaminato. Pena capitale anche per Geng Jinping, che ha distribuito alle varie compagnie che vendono latte in polvere il prodotto contaminato con la sostanza tossica. Le sentenze erano state emesse dalla Corte popolare di Shijiazhuang.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gitex

    24 Novembre 2009 - 20:08

    è l'unica cosa che dovremmo imparare dai cinesi.Quando sento che c'è - in Italia - chi ricicla formaggio scaduto da anni e lo rimette in commercio,mi auguro una fine simile se si viene beccati. Invece....

    Report

    Rispondi

  • gasparotto

    24 Novembre 2009 - 15:03

    Ve l'immaginate cosa succederebbe se la Cina desse forfait con il comunismo? Milioni di cinesi si riverserebbero in Europa, già ci sono a migliaia e la stanno colonizzando. Il comunismo almeno li tiene a bada. Molti vorrebbero che succedesse come il muro di Berlino, abbattuto il quale tutta la miseria del comunismo si è riversata in occidente. Pechino per fortuna tiene, sta migliorando la situazione economica dei proletari a piccoli passi e soprattutto controlla la disciplina di quel coacervo numeroso di popoli. E condanna giustamente a morte chi sbaglia. Invece in Italia che fine hanno fatto quelli che avvelenarono centinaia di persone con il vino fatto con il metanolo? In cavalleria penso.E Molteni che faceva mortadelle con il letame? Ecco allora chi è più civile noi o i cinesi? La disgrazia nostra è quella di avere avuto e di avere gente come Beccaria che con il loro pensiero rovinano le società sino a farle diventare buoniste e a non poter toccare Caino,efferato assassino.

    Report

    Rispondi

blog