Cerca

Tokio contro pena di morte

Kamei: "L'aboliremo"

Tokio contro pena di morte
Il Giappone lavorerà all'abolizione della pena di morte. È il ministro ai Servizi finanziari e alla Riforma postale, Shizuka Kamei, ad annunciare uno degli obiettivi più cari a gran parte del governo guidato dai leader dei Democratici, Yukio Hatoyama. Forse c’è un eccesso di ottimismo, «il percorso non è facile e la strada è in salita», visto che, secondo i sondaggi, l'80% della popolazione ha votato affinché il boia continui a operare. Kamei è l'ospite d'onore di un simposio sulla pena capitale, promosso dalla Delegazione Ue in Giappone, dall'ambasciata di Svezia e dalla Waseda University. E non delude le attese della nutrita platea del prestigioso ateneo di Tokyo, dove ripetutamente sono rievocate le teorie di Cesare Beccaria contro la sentenza capitale.

Il segretario della Lega parlamentare per l'abolizione della pena di morte, Hirotami Murakashi ha sottolineato: «È la prima volta che un ministro si esprime in termini così netti in pubblico». Kamei, che è presidente della Lega, spiega che ci sono le condizioni «per una nuova e straordinaria era e la scrittura di un nuovo capitolo dei diritti umani in Giappone». Critica pesantemente le politiche dell'ex premier liberaldemocratico, Junichiro Koizumi, durante il suo mandato (2001-2006), «troppo sbilanciate verso il mercato e filo-Usa, come nel caso della guerra in Iraq, e causa di forti diseguaglianze sociali». L’obiettivo adesso è «andare oltre e puntare a una vita migliore: Hatoyama ha lanciato il concetto di fraternità e c'è un nuovo ministro della Giustizia, Keiko Chiba». Ci sono tutte le condizioni per una moratoria, primo passo per l'approvazione di una legge che introduca il carcere a vita: «Sarebbe una pietra miliare perché a quel punto il carcere a vita renderebbe inutile la pena di morte. Continuerò a fare del mio meglio per arrivare all'abolizione, allineandoci al trend internazionale».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog