Cerca

Oslo, Obama ritira il Nobel

Castro: "È cinico come Bush"

Oslo, Obama ritira il Nobel
Dopo che un sondaggio di un'università americana ha rivelato che solo un americano su tre darebbe il Nobel ad Obama, oggi il presidente Usa dovrà inventarsi un discorso davvero convincente per accettare quello per la Pace che gli verrà assegnato ad Oslo. Lui, nel frattempo, sdrammatizza: "Non paragonatemi a Madre Teresa o a Nelson Mandela" e s'inchina ai fotografi che accolgono lui e Michelle all'arrivo in aereoporto. Ad attenderlo il ministro degli Esteri norvegese Jonas Gahr Store e Kaci Kullmann Five, vicepresidente del Comitato Norvegese del Nobel. La visita di Obama a Oslo durerà 26 ore, durante le quali ha in programma, oltre alla cerimonia in cui riceverà il riconoscimento e pronuncerà un discorso, un incontro con re Harald ed altri esponenti della famiglia reale ed un colloquio con il premier Jens Stoltenberg.
Il Presidente americano affronterà nel suo  discorso lo scetticismo legato al conferimento del Nobel a un presidente che ha più che raddoppiato il numero di soldati che ha trovato in Afghanistan al momento del suo insediamento.

Castro- Non si fanno attendere le dichiarazioni del leader cubano Fidel Castro, che in una nota apparsa sul suo sito ufficiale scrive: "Perché Obama ha accettato il premio Nobel quando invece ha deciso di portare le guerrra in Afghanistan fino al limite estremo ?. Non era obbligato a compiere un gesto così cinico". E ancora: il 1 dicembre scorso, nell’ascoltare l’annuncio dell’invio dei rinforzi in Afghanistan, "ho avuto l’impressione di ascoltare George W. Bush".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ercole.bravi

    10 Dicembre 2009 - 11:11

    all'uomo che ha deciso di portare altre migliaia di uomini in afghanistan......che combatte ancora ai quattro angoli del mondo, perchè lui, primo uomo nero alla casa bianca, è l'unto del Signore.....e fa più casini di Bush il cattivo!!!! Quando l'ipocrisia va al potere non c'è nulla di peggio che farla passare per verità! Che schifo di presidente, sarà peggio ancora di Nixon, che di cazzate (leggasi Vietnam) ne combinò parecchie......; anche lui non la cominciò, ma la proseguì male e la finì peggio. Saluti alla famiglia

    Report

    Rispondi

  • pdl_pa

    10 Dicembre 2009 - 10:10

    Lui stesso sostenne, non appena ricevette la notizia, di non meritarlo ancora. Credo che più che un premio a ciò che ha fatto sia un premio conferito in prospettiva per ciò che potrebbe davvero fare. Di certo Obama rappresenta un sogno per le persone che hanno del mondo una particolare visione con le relative prospettive che ne potrebbero conseguire. Per altri, come molti di noi di destra, quel sogno è rappresentato invece da un personaggio come Berlusconi; tutto un altro film.

    Report

    Rispondi

blog