Cerca

Cipro, trafugate le spoglie

di Tassos Papadopoulos

Cipro, trafugate le spoglie

La violazione della tomba dell'ex presidente Tassos Papadopoulos sconvolge l’isola di Cipro. Le spoglie sono state trafugate da ignoti la scorsa notte, alla vigilia dell'anniversario della sua morte, avvenuta il 12 dicembre dell'anno scorso. La notizia del trafugamento della salma è stata data nelle prime ore di oggi dall’emittente di Stato, che ha improvvisamente interrotto le normali trasmissioni. A fare la macabra scoperta e a dare subito l'allarme è stata un’ex guardia del corpo di Papadopoulos che ogni mattina si reca al cimitero di Defterà, un paesetto a circa 15 km a est della capitale Nicosia, per accendere una candela sulla tomba.

Sul posto sono immediatamente accorsi il capo della polizia Michalis Papageorgiou e altri funzionari del suo dipartimento. Le prime indagini hanno consentito per ora di accertare soltanto che i ladri hanno agito durante la notte mentre sulla zona imperversava un violento temporale. Gli sconosciuti non hanno spostato la lastra di marmo posta a copertura della tomba ma hanno scavato su un lato della sepoltura raggiungendo così la bara che è stata ritrovata vuota accanto alla tomba. La polizia ha aperto un'inchiesta per arrestare i responsabili della violazione, ma sinora gli inquirenti non hanno la minima idea di chi possa aver compiuto un tale gesto e per quale motivo.

L'ex leader turco-cipriota Rauf Denktash ha subito smentito le accuse, che inizialmente gli erano state rivolte, e si è detto «costernato e non solo sorpreso per quanto è avvenuto. Penso che se ciò è stato fatto per qualche scopo, questo scopo non può essere positivo. Ho sentito dire che tra i greco-ciprioti gira voce che siano stati i turchi a fare questo, ma se ciò è vero significa che sono stati dei provocatori che non vogliono la riunificazione dell'isola ma anzi la vogliono ancora più divisa di quello che è oggi». Come Denktash, anche tutti i leader dei partiti politici di greco-ciprioti hanno condannato il fatto.

Domenica prossima si terrà, come previsto, la commemorazione del primo avviversario della morte di Papadopoulos nella chiesa di San Nicola a Defterà. Papadopoulos era un accanito fumatore e alla sua morte, avvenuta per cancro ai polmoni, aveva 75 anni, ma il suo nome era già entrato nella storia di Cipro per essere stato colui che, quattro anni prima, era riuscito a convincere i propri connazionali a rifiutare un piano dell'Onu che avrebbe potuto riunificare quest'isola mediterranea divisa dal 1974 dopo un'intervento militare turco.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog