Cerca

Giallo a Parigi, aggredito

il medico di Johnny Hallyday

Giallo a Parigi, aggredito
Stephane Delajoux, il medico accusato di aver sbagliato l'operazione alla rock star francese Johnny Hallyday lo scorso 26 novembre a Parigi, è stato picchiato nella notte tra venerdì e sabato nella capitale francese. Delajoux «sarebbe stato aggredito per strada da due individui incappucciati davanti a dei testimoni, in modo molto violento, ma senza armi», ha raccontato il legale, precisando che il chirurgo «non è stato ricoverato, ma è tornato a casa scortato. Ha dovuto chiedere la protezione di una guardia del corpo». Stephane Delajoux avrebbe chiesto ufficialmente una protezione da parte della polizia, anche se il legale ha rifiutato di stabilire un legame diretto tra lo stato di salute di Johnny Hallyday e l'aggressione del suo cliente, ma ha denunciato una «caccia all'uomo» contro Delajoux.

La vicenda -
Johnny Hallyday, noto anche come l’Elvis Presley francese, con i suoi 100 milioni di album venduti e 45 tour in tutto il mondo, è stato operato all’ernia del disco lo scorso 26 novembre, in seguito  a un trattamento antitumorale per un cancro al colon riscontrato al cantante lo scorso anno. L’intervento ha causato un’infezione e attualmente il cantante è in coma artificiale. Era stato ricoverato lunedì scorso al Cedars Sinai Hospital di Los Angeles, ma si era risvegliato per breve tempo ieri sera. I medici hanno deciso poi di rimetterlo questa mattina in coma indotto «per evitare una sofferenza che non permetterebbe le cure».
Il produttore della rockstar Jean-Claude Camus ha accusato i medici di aver fatto un’operazione all’ernia del disco che è risultata un «massacro». David Koubbi, avvocato di Delajoux, ha affermato che l’operazione all’ernia a cui il cantante fu sottoposto il 26 novembre scorso è stata svolta «perfettamente» e l’esito delle analisi post-operatorie era del tutto «normale».
Alle condizioni di salute del cantante si è interessato anche il presidente francese, Nicolas Sarkozy - a cui Hallyday aveva dato un grande sostegno nella campagna presidenziale del 2007 - che ha detto di aver parlato al telefono con il figlio della rockstar David, il quale avrebbe rassicurato il presidente. La situazione di Hallyday, ha detto Sarkozy, «ha sollevato mota commozione in Francia perchè si tratta di un uomo molto amato. Rappresenta parte della nostra storia, delle nostre memorie e delle nostre canzoni».
Ma l’amore che i francesi provano per il rocker Hallyday fa evidentemente temere il medico che l’ha operato per la propria incolumità.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog