Cerca

Iran, continuano gli scontri

tra polizia e opposizione

Iran, continuano gli scontri
Non si placano gli scontri tra polizia e manifestanti dell’opposizione, in Iran. Dopo aver utilizzato gas lacrimogeni per disperdere la folla radunata a Isfahan, nel centro del Paese, per una commemorazione dell'ayatollah dissidente Ali Montazeri (diversi i feriti) e aver arrestato una cinquantina di persone, tra cui quattro giornalisti, duro l’avvertimento del capo della polizia iraniana, Esmail Ahmadi-Moqadam: «Ponete fine alle manifestazioni o ci sarà un confronto durissimo».

Centinaia di agenti, tra cui molti in borghese, hanno circondato la moschea di Sayed dove l'imam riformista Jalaledin Taheri avrebbe dovuto tenere un sermone. Gli scontri si sarebbero verificati quando la polizia ha tentato di disperdere i dimostranti. Montazeri, deceduto sabato scorso, aveva un largo seguito nella provincia di Isfahan. E scontri tra forze della sicurezza iraniana e sostenitori dell'ayatollah dissidente Ali Montazeri sono in corso anche a Najafabad, città natale del religioso scomparso. Lo riferisce sempre un sito web vicino all'opposizione iraniana.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog