Cerca

Manca l'acqua nel villaggio

Donne in rivolta: niente sesso

Manca l'acqua nel villaggio
Ankara - A Kirka, un villaggio al sud della Turchia, c’è carenza d’acqua. La colpa, pare, sia degli uomini del villaggio che non fanno nulla per risolvere il problema dell’approvvigionamento idrico, costringendo le loro compagne a marciare ogni giorno per ben 13 chilometri di distanza dalle loro abitazioni per raggiungere la sorgente d’acqua più vicina. Ma le signore di Kirka si sono stufate, e hanno indetto uno sciopero originale per costringere i propri mariti ad affrontare l’emergenza: niente sesso finché non ci sarà acqua nel paese.
I maschi, come prevedibile, non accettano di buon grado questa decisione, tanto che il sindaco di Kirka, Osman Arslan, teme che questo sciopero possa diventare il principale motivo di separazioni e divorzi enl paese. Non è la prima volta in Turchia che le donne decidono di astenersi dai propri doveri coniugali per protestare contro i mariti. Nel 2001, nella località turistica di Sirtkoy, in Anatolia, è avvenuto il diretto precedente del caso di Kirka: anche qui, per protestare contro la mancanza d’acqua, le donne hanno promosso uno sciopero del sesso. Intanto, la mancanza di risorse idriche diventa un caso politico. Ali Riza Ozturk, militante del principale partito d’opposizione, il Partito repubblicano del popolo (Chp), lancia precise accuse contro il governo e il primo ministro turco, Recep Tayyip Erdogan: “Dicono che non c’è alcun problema di siccità nel paese, allora vadano a visitare Kirka”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gianniob

    11 Settembre 2008 - 20:08

    Almeno per qualche tempo non nasceranno altri musulmanini. Cosa se ne fanno, poi, dell'acqua? non si lavano mai, almeno giudicando dalle puzze che emanano.

    Report

    Rispondi

blog