Cerca

Chavez: via l'ambasciatore Usa

"Andate al diavolo, yankee..."

Chavez: via l'ambasciatore Usa
Caracas - E’ crisi diplomatica tra Venezuela e Usa. Il presidente Hugo Chavez ha ordinato l'espulsione dell'ambasciatore americano in Venezuela, in segno di solidarietà e appoggio al governo della Bolivia, che mercoledì ha fatto altrettanto. Il governo boliviano, infatti, ha accusato il rappresentante dell’ambasciata Usa fomentare le proteste e le spinte separatiste a La Paz e gli ha imposto di lasciare al più presto la Bolivia. In tutta risposta, Washington ha espulso ieri l’ambasciatore boliviano. A sostenere la protesta contro gli Usa del presidente Evo Morales ci ha pensato Chavez, che si unito con fervore al moto contro gli yankee e lanciando, a sua volta, un vero e proprio out out all’ambasciatore americano in Venezuala: “A partire da questo momento, l'ambasciatore yankee a Caracas ha 72 ore di tempo per lasciare il Venezuela, in solidarietà con la Bolivia", ha detto Chavez parlando a una manifestazione elettorale a Puerto Cabello, 120 km a ovest di Caracas. E ha concluso con la lapidaria affermazione “"Andate al diavolo, yankee di merda". Non solo. Il presidente venezuelano ha anche minacciato di sospendere le forniture di petrolio agli Stati Uniti, principale cliente del Venezuela, se Washington dovesse aggredire il suo governo. Chavez si è, inoltre,  detto pronto a ''organizzare operazioni di qualunque tipo'' pur di ''ripristinare il potere del popolo'' mentre l'esecutivo argentino ha espresso ''sostegno pieno e incondizionato al governo costituzionale della Bolivia''. A sostenere il governo boliviano anche principali paesi andini, Colombia, Perù ed Ecuador, secondo i quali il presidente Morales ''saprà' trovare una soluzione costituzionale a questa situazione, attraverso un cammino di pace e dialogo, che contribuirà a preservare le istituzioni democratiche e l'unita' della Bolivia''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • moicano

    12 Settembre 2008 - 17:05

    Sei un dittatore populista? sei un presidente corrotto e guerrafondaio? sei uno pseudo-rivoluzionario, pseudo-democratico, ma un vero e proprio riranno? devi nascondere i danni evidenti ( disoccupazione, deficit abissale, crisi economica, mancanza dei più elementari diritti) che hai recato al tuo Paese? Niente paura, la sinistra mondiale ha creato la cura per te: dai la colpa agli Stati Uniti. E riparti di slancio!

    Report

    Rispondi

  • GBalsamo

    12 Settembre 2008 - 16:04

    tempi bui questi...... Invece che prendere insegnamento dalla storia dove si è sempre visto che con le maniere forti, le guerre etc etc non si è mai giunti a qualcosa di buono o con sacrifici troppo alti per poter giustificare il tutto, si va sempre perseguendo la strada della forza, del "chi ce l'ha più grosso"......e siamo in mano a gente che di buon senso sembra averne sempre meno Chavez non è nuovo a questo genere di uscite, per quanto non sia "condivisibile" la formula usata delle ingerenze americane nei paesi sudamericani e non solo si sapeva ed è giusto che gli si faccia notare che debbano pensare ai sporchi affari loro...predicano tanto la libertà su e giù, Dio qua Dio là ma pensano che la prima sia solo del popolo americano e il secondo che giri per il paradiso con la bandierina americana..... la Palin che in tipico stile conservatore non sa altro che dire "guerra", Putin che è della stessa pasta e molti altri e queste sarebbero gente di elevata intellettualità, principi morali ed educazione?

    Report

    Rispondi

blog