Cerca

Magia nera, 17enne uccisa in un rituale

La datrice di lavoro confessa

Magia nera, 17enne uccisa in un rituale
A meno di un mese dalla morte del bimbo ucciso dal padre con 50 aghi infilati nel corpo, il Brasile torna a provare sgomento per una nuova vittima della magia nera. Il corpo di una ragazza di appena 17 anni è stata ritrovato  ai margini di un’autostrada con una candela nera accesa nella bocca. Sul cadavere sono state riscontrate ferite d’arma da taglio, al volto e su braccia e gambe.

A commettere l’efferato crimine è stata la datrice di lavoro della vittima, Tatiana de Jesus, trentunenne operatrice di telemarketing.  Rosana Nascimento – è questo il nome della vittima – lavorava come collaboratrice domestica,  era scomparsa da diversi giorni insieme alla figlia di soli 3 mesi. Il fidanzato della 17enne aveva dato l'allarme per la scomparsa delle due. La piccola è stata ritrovata dalla polizia all'interno della casa dell'assassina. È ancora viva ma ha riportato diversi tagli sul viso.

Secondo gli inquirenti la donna, che ha confessato l’omicidio, praticava magia nera. Insieme a lei è stato interrogato uno stregone brasiliano, sospettato di aver preso parte al rituale, ma successivamente rilasciato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog