Cerca

Berlusconi ad Ahmadinejad

"Israeliano anche io"

Berlusconi ad Ahmadinejad
Parigi - Il premier Silvio Berlusconi, che ha parlato oggi a Parigi di fronte ai membri dell'Associazione ebraica Keren Hayesod, nel suo discorso critica, seppur indirettamente, le recenti affermazioni del presidente iraniano Ahmadinejad. "Credo che dovremo avere tutti la massima e assoluta attenzione nei confronti delle follie di chi addirittura arriva a dire, magari soltanto per ragioni politiche interne, che bisognerebbe cancellare Israele dalla carta geografica. Queste sono cose a cui noi dobbiamo avere il senso che hanno e non crediamo siano reali però già una volta c'era un tal signore che all'inizio sembrava un democratico e che poi ha fatto quel che ha fatto e voi purtroppo sapete a chi mi riferisco".  "Quindi noi”, prosegue il presidente del Consiglio, “dobbiamo avere grandissima attenzione e io l'ho detto a tutti i miei colleghi a cominciare dal presidente George Bush". "Però, guardando al secolo che abbiamo alle spalle, dobbiamo dire di essere fortunati perché quel secolo è stato davvero insanguinato da due ideologie terribili: da un lato il comunismo, che credendo di poter portare la Gerusalemme celeste in terra, ha portato soltanto miseria, terrore e morte nei paesi dove è andato al potere; e dall'altra parte il nazismo che, basandosi su questo concetto assurdo della prevalenza di una razza, ha provocato gli istinti più bestiali degli uomini e ha prodotto quelle tragedie di cui voi siete state le prime vittime". Poi, Berlusconi fa un riferimento diretto agli orrori del campo di concentramento nazista di Auschwitz. "Quando ho visitato Auschwitz, mi sono detto: anche io sono israeliano". "Io”, ha proseguito il Cavaliere, “sono stato sempre e direi naturalmente amico di Israele. Ho avuto nella mia infanzia dei compagni ebrei che ho amato e loro mi hanno riamato, che mi raccontavano quello che avevano subito". "Poi”, ha concluso, “ho visitato Auschwitz e in quel momento mi sono sentito anche io israeliano e ho sempre sentito l'importanza di essere dalla parte di Israele e dei suoi abitanti".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sicilianodoc

    18 Settembre 2008 - 11:11

    ANCHE IO ISRAELOAMERICANO GUERRAFONDAIO,CONTRO OGNI MALE TERRORISTICOISLAMICOFILOCOMUNISTA A CUI METTERE L'ATOMICA SOTTO I PIEDI,PER LA VITTORIA DEL BENE SUL MALE.

    Report

    Rispondi

  • rebarbaro

    17 Settembre 2008 - 09:09

    ANCHE IO ISRAELIANO E CON MOLTISSIME BOMBE ATOMICHE ANZI TERMONUCLEARI

    Report

    Rispondi

blog