Cerca

Corea del Nord, crisi irreversibile

La popolazione è tornata al baratto

Corea del Nord, crisi irreversibile
Come predetto dagli economisti di tutto il mondo, la disastrosa riforma valutaria decisa da un giorno all’altro dal regime di Pyongyang ha assestato l’ultimo colpo al sistema economico della Corea del Nord. Ormai la popolazione, composta da 22 milioni di persone, sopravvive soltanto grazie al baratto mentre attende che il governo dia il nuovo cambio ufficiale della moneta interna. Lo riporta l'agenzia Asianews, diretta da padre Bernardo Cervellera.
 A confermare la notizia, alcuni  esuli nordcoreani che ora vivono al sud . Uno di loro è riuscito a contattare la famiglia, che vive nella provincia settentrionale di Hamkyung, e racconta: “Li ho chiamati per sapere come stavano, volevo mandar loro del denaro. Mi hanno detto che la situazione è indescrivibile, terribile come mai prima d’ora: vivono soltanto grazie al baratto”.
 Secondo un tacito patto fra i nordcoreani, il baratto si basa sui vecchi prezzi. In pratica, se una gallina valeva 1.500 won e un chilo di grano 900, oggi una gallina viene scambiata con poco meno di due chili di cereali. Per ora, spiega il fuggiasco, “i prezzi statali non sono stati resi pubblici. Quindi la popolazione pensa che vendere per tenere in casa del denaro rappresenti una perdita. Ecco perché si affidano al baratto”.
 Una fonte di AsiaNews, che va avanti e indietro fra le due Coree, aggiunge: “Siamo davanti a una crisi umanitaria che renderà inevitabile l’aumento del crimine. Prima, infatti, lo Stato garantiva alcuni beni e servizi fondamentali e quindi era inutile, ad esempio, rubare i vestiti che comunque venivano forniti dal Partito comunista. Ora, invece, tutto è barattabile: questo vuol dire che tutto vale qualcosa, e c’è sempre qualcuno disposto a usare la forza per avere più degli altri”. Secondo le fonti, i nordcoreani iniziano inoltre a dissentire pubblicamente con la propaganda governativa: l’8 gennaio, compleanno Kim Jong-un (il successore di Kim Jong-il), molti hanno chiesto a cosa serva essere una potenza nucleare se non si ha nulla da mangiare. La situazione sembra dunque avviarsi verso la totale disfatta. L’unica incognita rimane la posizione dell’esercito: soltanto grazie ai militari sarebbe possibile un allontanamento dal potere della dinastia dei Kim, ma fino a che il “Caro Leader” sarà ancora in vita è difficile che avvenga. Nel frattempo, la popolazione è sempre più vicina al collasso. (fonte Asianews)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • 68zagor

    03 Dicembre 2011 - 10:10

    Non riesco a capire questa inutile e antistorica disputa fra un cattivo comunismo e un pessimo fascismo.Al di là delle differenze ideologiche con cui si diffonde o meglio si istiga la massa popolare ad una trasformazione sociale,i sistemi,la coercizione,l'annullamento delle libertà democratiche,il controllo dei media,l'uso della tensione e del terrore, ecc. ecc. è simile a tal punto che distinguere chi è peggio è materia storica ostica.Sono dittature militari e poliziesche di una ristretta lobby politica che inevitabilmente si allontana dai propositi discutibili iniziali per trasformarsi in propritari non solo delle ricchezze di un paese ma anche delle vite del loro popolo affamandolo e privandolo di qualsiasi diritto

    Report

    Rispondi

  • gitex

    22 Gennaio 2010 - 17:05

    questa notizia ai vari dirigenti dei nanopartiti comunisti nostrani quali Ferrero Vendola e compagnia bella cosicchè capiscano dove porta il comunismo. Visto che non è stato sufficiente l'arrivo in eurabia di milioni di cittadini dell'ex patto di Varsavia a fare capire che è una ideologia sbagliata, morta e sepolta.

    Report

    Rispondi

  • dubhe2003

    20 Gennaio 2010 - 21:09

    Abbiate fede compagni!La nostra dottrina ci rende immortali,essendo gli unici detentori della ...Verità assoluta!?

    Report

    Rispondi

  • geog

    20 Gennaio 2010 - 19:07

    valeria78 e marino43 non hanno nulla da dire su costui? forse perchè non credono che il komunismo è il fallimento dell'uomo?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog