Cerca

Body scanner rinviati in Europa

L'Italia va avanti e avvia la sperimentazione in tre aeroporti

Body scanner rinviati in Europa
L’idea di adottare body scanner negli aeroporti è stata rinviata dai ministri dell’Interno europei. L’Unione Europea preferisce infatti attendere l’esito dei rapporti sugli effetti che questi strumenti potrebbero avere sulla salute dei viaggiatori, come ha spiegato il ministro spagnolo dell’Interno, Alfredo Perez Rubalcaba, che presiede il vertice di Toledo.
Durante una conferenza stampa tenuta con il titolare dell’Interno statunitense, Janet Napolitano, Rubalcaba ha detto che «una volta completati gli studi su questo tema prenderemo una decisione».
Ma l'Italia va diritta per la sua strada, e Maroni prende le distanze dalla decisione europea: oggi la commissione tecnica interministeriale che si riunisce presso l'Enac darà il via libera all'utilizzo del dispositivo in via sperimentale a Malpensa, Fiumicino e Venezia. Ne saranno acquistati una quindicina. Lo ha annunciato lo stesso ministro dell'Interno, Roberto Maroni, a Toledo (Spagna), durante la riunione informale dei ministri europei, alla quale partecipa anche la segretario di Stato per la sicurezza interna Usa, Janet Napolitano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • strudel9

    21 Gennaio 2010 - 19:07

    E' già stato appurato che i bodyscanner non danneggiano la salute delle persone. Non seguiamo sempre le azioni della comunità europea che ,chissà per quale interesse recondito, ora cerca di rimandare l'adozione dei bodyscanner. Non sarà che noi italiani siamo all'avanguardia in tale tecnologia e prendono tempo per cercare imprese europee cui affidare gli appalti ? "Fidarsi è bene,ma non fidarsi è meglio ! "

    Report

    Rispondi

  • 44carlomaria

    21 Gennaio 2010 - 16:04

    Body scanner a go-go, poi "parola torna indrè ", o come direbbe Bersani: contrordine compagni. Come in tutte le cose ben fatte, prima bisogna sentire il parere di diversi tecnici qualificati, poi far parlare e agire solo politici qualificati e responsabili. Le centrali nucleari hanno ucciso solo a Chernobil, i raggi x hanno generato cancri a go-go. Asvedommia

    Report

    Rispondi

blog