Cerca

Beirut, precipita boeing 737

In 90 a bordo. Non ci sono sopravvisuti

Beirut, precipita boeing 737
Un Boeing 737 dell'Ethiopian Airlines con a bordo circa 90 persone è precipitato  nel mar Mediterraneo poco dopo il decollo da Beirut.  Secondo quanto affermato dalla compagnia aerea, "i passeggeri sono tutti morti". Le squadre di soccorso libanesi che partecipano alle ricerche hanno già recuperato dieci cadaveri sul luogo dell'incidente, a largo delle coste di Naameh, a circa 12 chilometri a sud da Beirut. A riferirlo un responsabile del ministero della Difesa. E' esclusa la pista del sabotaggio.

L'aereo era partito intorno alle 2:30 ora locale, l'3:30 in Italia, diretto ad Addis Abeba. I passeggeri sarebbero per la maggior parte libanesi ed etiopici. Testimoni avrebbero visto una palla di fuoco al momento dello schianto. I soccorritori hanno individuato il luogo dell'incidente, ha reso noto il ministro dei Trasporti libanese Ghazi al-Aridi. ''Il luogo dello schianto è stato localizzato – ha spiegato Aridi - a 3 chilometri e mezzo a ovest del villaggio costiero di Na'ameh''. Il ministro ha detto che sono in corso le operazione di ricerca e soccorso, senza dare però ulteriori particolari. Secondo Aridi è troppo presto per stabilire le cause dell'incidente, ma ha detto che l'aereo è decollato in condizioni meteo avverse. Non figurano italiani nella lista dei passeggeri. Nell'elenco fornito dal ministro dei Trasporti, Ghazi Aridi, compaiono 54 libanesi, 22 etiopi, una francese, un siriano, 2 britannici ed un canadese di origini libanesi. A questi si aggiungono i sette membri dell'equipaggio, per un totale di 90 persone. Anche l'Unità di crisi della Farnesina sta controllando con le ambasciate di Beirut e Addis Abeba la lista dei passeggeri.


A bordo dell'aereo c'era anche la moglie dell'ambasciatore di Francia in Libano. Lo ha reso noto un responsabile del governo libanese. "Marla Sanchez Pietton, moglie dell'ambasciatore francese, risulta sulla lista dei passeggeri", ha dichiarato la fonte coperta dall'anonimato. L'ambasciatore Denis Pietton si è stabilito in Libano lo scorso settembre.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog