Cerca

Silvio predica in Terrasanta

Oggi il vertice con Israele, mercoledì l'incontro con Abu Mazen e la visita a Betlemme. Berlusconi a Netanyahu: "Ho un sogno: il vostro Paese nell'Unione europea"

Silvio predica in Terrasanta
Prende il via a Gerusalemme un vertice fra Italia e Israele dall'inedito formato allargato, che vedrà di fronte i due premier - Silvio Berlusconi e Benyamin Netanyahu - e una decina di ministri di entrambi i paesi.

Berlusconi è atterrato a Tel Aviv lunedì mattina. Accolto dal ministro degli Affari Esteri isralieno Avigdor Lieberman,  il premier è accompagnato - in questa tre giorni in Terra Santa - da 7 ministri (Scajola, Matteoli, Sacconi, Frattini, Ronchi, Prestigiacomo e Fazio). Trasferitosi rapidamente a Gerusalemme, Berlusconi è stato accolto dal primo ministro Benyamin Netanyahu. "Caro Silvio - ha detto Netayahu - siamo molto felici di averti a Gerusalemme. L’Italia è uno dei più grandi amici di Israele e la tua è una visita storica. Israele è legata all’occidente e Roma e Gerusalemme hanno gettato le basi della cultura occidentale"

Il presidente del Consiglio ha ringraziato il primo ministro israeliano per l’accoglienza e ha subito messo sul tavolo un tema caldo: portare Israele all'interno dell'Unione europea. "Ho uno sogno - ha detto Berlusconi a Netanyahu - Annoverare Israele tra i Paesi dell’Unione Europea". Ma sono tanti gli argomenti di cui i leader dei due Paesi dovranno discutere nei prossimi tre giorni.
"Israele è all’avanguardia per gli strumenti tecnologici e vorremmo nascessero impegni reciproci per quel futuro importante che avrà Israele", ha detto il premier nel suo intervento.  Senza dimenticare il legame storico -culturale che unisce i due Paesi. “Siamo qui, con il nostro governo a  testimoniare il nostro amore, la nostra vicinanza, la nostra volontà  di collaborare, infatti Italia e Israele sono due Stati vicini e due popoli vicini”. Ma soprattutto, ha detto Berlusconi, ricordo "l'orgoglio di essere noi, con la nostra cultura giudaico-cristiana  alla base della civiltà europea”.

Berlusconi ha fatto anche un accenno, senza tuttavia mai nominarlo, all’Iran parlando di Israele come di un Paese "la cui esistenza ancora oggi viene messa in discussione". Calorosa l’accoglienza del premier israeliano: "Non tutti i giorni abbiamo un amico più grande, un leader, un grande combattente per la libertà".

Vita media di 120 anni- Un impegno a rivedersi "fra 47 anni" a Gerusalemme è stato preso oggi dal presidente del Consiglio Silvio Berlusconi durante la cerimonia di messa a dimora di un albero nella Foresta delle Nazioni, luogo nel quale ha aggiunto il suo nome sulle pietre laddove sono incisi quelli dei leader dei Paesi amici di Israele. Berlusconi ha sottolineato di essere tra i sostenitori di un istituto che "vuol portare l'età media degli uomini a 120 anni, aggiungendo anni alla vita e qualità agli anni". Un obiettivo "non impossibile" se si considera che all'inizio del Novecento la vita media superava di poco i 40 anni, ha aggiunto durante la cerimonia. Per questo - ha concluso con una battuta - "l'appuntamento è qui fra 47 anni".

Preludio al vertice  -
Berlusconi intende porsi come il primo tra i leader europei a difendere Israele ad ogni costo, pur non negandone gli errori.  Perché i problemi che si pongono sono molti, a partire dal complicato rapporto con l'Iran e dalla richiesta di boicottare il regime di Ahmadinejad anche attraverso le nostre aziende. Insomma, sul tavolo verranno messe a tema parecchie cosucce, come anche la sicurezza stessa di Israele  ("nostra stessa garanzia", come ha detto il ministro Frattini). I colloqui dureranno circa tre giorni e ci sarà anche una tappa nei territori palestinesi.  Mercoledì Berlusconi incontrerà infatti Abu Mazen e poi si recherà in visita alla Basilica della Natività di Gesù.
Un bel mix. E, nel surriscaldato clima internazionale, c'è da scommettere che la cosa non passerà inosservata.
Silvio è molto amato dal premier Benyamin Netanyahu, che nei giorni scorsi ha dichiarato: "Ammiro molto Silvio Berlusconi, Israele non ha un amico più grande di lui nella comunità internazionale".
E questa mattina il più noto quotidiano Haaretz ha titolato "Ascoltate l'amico", riferendosi proprio al nostro amico. "Netanyahu farebbe bene ad aascoltare i consigli dell'amico italiano e dar prova di vera leadership". Il titolo di prima pagina di questa mattina del quotidiano filo-governativo Israel-a-yom era invece "Benvenuto Cavaliere". Insomma, una visita attesa che promette se non una svolta, quantomeno un vero grande dialogo.

No alla colonizzazione- Nei giorni scorsi, il premier aveva infatti rilasciato un'intervista al quotidiano israeliano Haaretz, dove aveva usato parole forti contro la politica degli insediamenti spiegando che la colonizzazione dei territori arabi occupati da Israele dal giugno 1967 rappresenta "un ostacolo alla pace".
Parole schiette, dirette: "Nella mia veste di amico, la mano sul cuore, voglio dire al popolo e al governo di Israele che insistere con questa politica è un errore. È giunto il momento che Israele e la Siria agiscano di concerto per la pace e in questo contesto le alture del Golan dovranno essere restituite (alla Siria, ndr), così che possano essere ristabilite le relazioni diplomatiche e Damasco rinunci a sostenere le organizzazioni che non riconoscono Israele". Per quanto riguarda i palestinesi, aggiunge, "non si potrà mai convincerli della buona volontà di Israele, se continuerà a edificare su territori che dovrebbero essere restituiti nel quadro di un accordo di pace".
Un'intervista lunghissima, che ha toccato anche i punti più dolenti, dagli insediamenti che "non si possono rimuovere per averein cambio  sinagoghe bruciate, devastazioni e violenza infra-palestinese e lanci di razzi in territorio israeliano" fino a toccare la presenza araba nel paese -  "Gli arabi - dice il Cavaliere - vivono in Israele e partecipano alla sua splendida vita democratica, e la guerra sarà davvero finita quando i palestinesi accetteranno di ripristinare la grande tradizione araba di tolleranza e di ospitalità verso gli ebrei nel loro territorio. Condannare gli insediamenti con gli stessi argomenti dell'estremismo è troppo facile, è ipocrita e non è degno delle classi dirigenti dell'Occidente democratico".

Affondo sull'Iran-  "Bisogna vigilare sui Paesi che sembrano vicini a dotarsi dell’arma nucleare, magari coltivando il folle desiderio di cancellare Israele dalla mappa geografica. La via del controllo multilaterale sugli sviluppi del programma iraniano, del negoziato intelligente, delle sanzioni efficaci è quella da percorrere".

Tasse- Berlusconi parla anche di questioni interne all'Italia: "Voglio ridurre la pressione fiscale e portare l’imposta sui redditi a un livello accettabile". "Il problema è realizzare il sogno del futuro: uno Stato meno invadente, un cittadino più autonomo, più responsabile, più libero". Un affondo sui media: "Sono stato vittima per molti mesi di una campagna di stampa che è stata probabilmente la più aggressiva e calunniosa di quante ne siano mai state condotte contro un capo di governo. Ho subito aggressioni politiche, mediatiche, giudiziarie, patrimoniali e anche fisiche".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marino43

    02 Febbraio 2010 - 10:10

    Mentre lei va inWikipedia per trovarsi un passato ... io non ne ho bisogno! Detto questo ed è piu' che sufficiente... noto che il suo avatar era una personcina niente male... dedito al bracconaggio, alla macchia, all'omicidio...Buon sangue non mente! Se davvero lei discendesse da costui, ma ne dubito.. beh! I suoi parenti devono stare molto attenti. Noto comunque che tutto cio' non centra nulla con l'argomento del servizio giornalistico e lei, come tanti ITALIOTI, non riesce a dire qualche cosa di vero. Se ne stia nella macchia e mediti un ritorno per amazzare qualche vicino e prendergli il castello.Ma ritornando all'argomento..in Israele non c'è piu' nessuno che si chiami Barabba? Come cambiano i tempi!!Ora accolgono i puttanieri con tutti gli onori!! Proprio non c'é piu' religione P.S. Le ricordo che la guerra è finita da piu' di sessant'anni.

    Report

    Rispondi

  • Braccio da Montone

    01 Febbraio 2010 - 23:11

    >>> Darmi del Lei? Può darmi anke dello stronzo. Non mi tange. In quanto lei (in minuscolo come è, appunto lei) che scrive: "perchè" anziché perché, "cosi' " anziché così, "puo' " anziché può, impazieti anziché impazienti, giu anziché giù...Ma si rende conto che oltre ad essere analfabeta esterna fesserie? No? E' normale, non si preokkupi, per un tapino come lei e becero sinistrato che si nutre di "Kultura" con la K. "Ve fate sempre riconosce", direbbe er panzone de Costanzo.<

    Report

    Rispondi

  • Braccio da Montone

    01 Febbraio 2010 - 22:10

    >>>Sin da giovane si dedicò alla carriera militare, iniziò come paggio gia' comportò l'esilio dalla città per la famiglia di Fortebracci e la perdita della proprietà di un castello a Montone, nell'alta valle del Tevere (Umbria settentrionale). Braccio si diede quindi alla ventura, entrando nella compagnia di San Giorgio (della quale faceva parte pure il futuro rivale Muzio Attendolo Sforza), alla scuola di Alberico da Barbiano. Nel 1390 tornò a Montone, e qui, aiutato da due fratelli, uccise tre membri della fazione avversaria dei raspanti: per questa azione risoluta si guadagnò una taglia sulla testa (da parte di Città di Castello, per l'omicidio di un abitante del Tifernate che si trovò lì di passaggio), e l'appellativo di Braccio in luogo del nome Andrea. Fortebracci decise quindi di abbandonare nuovamente i luoghi d'origine per formare una compagnia di 15 cavalieri e per mettersi al soldo dei Montefeltro contro i Malatesta.<

    Report

    Rispondi

  • ilcantodelgrillo

    01 Febbraio 2010 - 20:08

    Paese democratico e coraggioso senza pari. Quello di Israele è un popolo fiero ed intelligente il meglio dell'occidente in oriente. Onore a Israele.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog