Cerca

Silvio: a Gaza giusta reazione

Berlusconi parla al parlamento israeliano. Netanyahu ricorda "mamma Rosa"

Silvio: a Gaza giusta reazione
Oggi Berlusconi conclude la sua visita in Israele con un discorso alla Knesset, il parlamento israeliano.  Dopo il duro j'accuse al governo iraniano e la promessa di collaborazione  sulle sanzioni contro Teheran, il presidente del Consiglio chiude di fatto con il suo intervento al Parlamento israeliano - e con un pranzo di lavoro con il presidente Shimon Peres - la sua missione israeliana. Il discorso - alle 11 ora italiana  è stato preparato con grande cura, limato fino all’ultimo dal premier con i suoi più stretti collaboratori. L’intervento alla Knesset è il segno della grande attenzione che Israele ha dedicato a questo vertice bilaterale che si è svolto a Gerusalemme: un grande onore che è stato concesso solo a pochi leader, come George Bush ed Angela Merkel.
Libero-news.itLibero-news.it

Oggi mi rivolgerò, con un appello che viene dal cuore, al Presidente Abbas affinchè torni al tavolo del negoziato e consegni alla storia un accordo per la pace e lo sviluppo economico del suo popolo, della sua terra, dando vita così a quello Stato Palestinese che la comunità internazionale attende.


Poco prima che Silvio cominciasse il suo discorso, il premier israeliano ha ricordato l'azione di mamma Rosa nel salvare una ragazza ebrea. Ricordo che ha comosso il Cavaliere:  "È una commozione - ha detto Berlusconi - che prenderà tutte le donne d'Italia".

La reazione militare di Israele a Gaza fu giusta- Israele dispiegò  ''una giusta reazione'' ai missili di Hamas da Gaza. Lo ha sottolineato il premier Silvio Berlusconi nel suo discorso alla Knesset nel quale ha ricordato come Israele sia sempre sotto attacco anche con ''l'ondata terroristica della seconda intifada". Per questo, ha spiegato il premier, l'Italia si oppose al rapporto Goldstone dell'Onu. «Quella degli israeliani a Gaza fu un'aggressione: c'è un rapporto che si chiama Goldstone sui crimini israeliani e qualunque cosa dica il premier Berlusconi non cambia la realtà», ha replicato Nemer Hammad, uno dei più stretti consiglieri politici del presidente palestinese Abu Mazen. Tra poche ore Berlusconi sarà a Betlemme proprio per incontrare Abu Mazen.

 Il discorso-  "Oggi mi rivolgerò, con un appello che viene dal cuore, al Presidente Abbas affinchè torni al tavolo del negoziato e consegni alla storia un accordo per la pace e lo sviluppo economico del suo popolo, della sua terra, dando vita così a quello Stato Palestinese che la comunità internazionale attende". Berlusconi ha chiesto al premier Benyamin Netanyahu "di confermare, con coraggio, le sue proposte e le sue offerte per far ripartire il dialogo, tenendo conto degli auspici e degli incoraggiamenti dei Paesi amici di Israele, come l'Italia, o gli Stati Uniti, e di tutti i partner europei. Noi preghiamo e pregheremo affinché questa speranza possa realizzarsi".

 Il presidente del Consiglio, rivolto ai parlamentari israeliani, ha detto: "Considerateci accanto a voi per costruire e difendere i valori che ci accomunano e che fanno di Israele un avamposto della cultura europea e occidentale". "La nostra amicizia per Israele - ha proseguito Berlusconi è franca, aperta e reciproca, non è solo vicinanza verbale, non è solo diplomazia, è un moto dell'anima e viene dal cuore.  I rapporti bilaterali fra Italia ed Israele sono eccellenti.  La nostra cooperazione è un vanto del mio governo e un fattore di orgoglio e soddisfazione per l'opinione pubblica italiana".

La minaccia dell'Iran- A giudizio del presidente del Consiglio, "Israele è davvero il simbolo della possibilità di essere liberi e di far vivere la democrazia anche al di fuori dei confini dell'Occidente, ed è proprio per questo che risulta una presenza intollerabile per i fanatici di tutto il mondo". "Di fronte alle minacce contro Israele e contro la sicurezza del suo popolo - ha assicurato Berlusconi - l'Italia non è indifferente. L'efferatezza antisemita, a differenza di quanto è avvenuto alla vigilia e durante la Seconda guerra mondiale, non potrà e non dovrà più nutrirsi della complice indifferenza dei governi. In una situazione che può aprirsi alla prospettiva di nuove catastrofi, l'intera comunità internazionale deve decidersi a stabilire con parole chiare, univoche e unanimi, che non è accettabile l'armamento atomico a disposizione di uno Stato i cui leader hanno proclamato »apertamente« la volontà di distruggere Israele ed hanno negato insieme la Shoah e la legittimità dello Stato Ebraico. Su questo punto non si possono ammettere cedimenti: occorre ricercare la più ampia intesa a livello internazionale per impedire e sconfiggere i disegni pericolosi del regime iraniano".

 Per Berlusconi, "certo non si deve respingere alcun segnale di buona volontà da parte iraniana, ma occorre dire apertamente che gli sforzi di dialogo non possono essere frustrati dalla logica dell'inganno e della perdita di tempo".


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • delfina62

    03 Febbraio 2010 - 16:04

    .......ma va là.......che brutta che è l'invidia! comunque siete voi i primi che non rispettate il Popolo visto che continuate a voler far cadere il Governo eletto democraticamente. Guardate prima in casa vostra e poi magari.....

    Report

    Rispondi

  • marino43

    03 Febbraio 2010 - 15:03

    Per quanto mi riguarda ho un concetto di statista ben diverso da coloro che a tutti i costi vogliono dare la patente di statista a lui...Per me statisti furono Kohl? Mitterrand? De Gasperi... giusto per fare dei nomi o tre nomi!! Tutta gente che ha cercato di unire e non dividere i popoli. Lui, per sopravvivere si avvale della politica del tanto peggio tanto meglio... muoia sansone e tutti i filistei!! Kohl si dimise per un'inchiesta su di lui, ma fu il protagonista di una riunificazione straordinaria.. quella delle due Germanie, Mitteran non ha mai voluto incontrare berlusconi se non proprio quando non ne poteva fare a meno.... Siamo seri e non scherziamo su certe cose!! Quando berlusconi saprà rispettare almeno il popolo italiano intero, le istituzioni tutte, sarà appena appena un decente presidente del consiglio.

    Report

    Rispondi

  • marino43

    03 Febbraio 2010 - 12:12

    Effettivamente l'Iran avrà preso tanta paura dopo le parole di berlusconi!! Da pensare che l'italia non fa nemmeno parte del consiglio permanente dell'onu.!! Sicuramente Putin si sarà fregato le mani nel pensare che se l'italia non acquisterà più petrolio dall'Iran, lui potrà alzare il costo del suo gas e petrolio. Ma cosa doveva dire di tanto diverso? Che era contento che l'Iran può avere la bomba atomica?

    Report

    Rispondi

  • accademico

    03 Febbraio 2010 - 09:09

    Silvio Berlusconi ha un solo grave motivo per essere inviso a taluni: essere un autentico Statista. Diceva, credo san Tomaso d'Aquino: ""quando appare il Genio tutti gli idioti si chiamano a raccolta per fare banda contro di lui". Meno male che Silvio c'è. Noi amiamo Silvio Berlusconi. TUTTO IL RESTO E' NOIA !!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog