Cerca

Condannata "Lady Al Qaeda"

La scienziata pachistana del Mit avrebbe aggredito i militari Usa in Afghanistan

Condannata "Lady Al Qaeda"
Tentò di di uccidere i soldati americani che la accusavano di terrorismo. Con questa motivazione i giudici di New York hanno condannato come sospetta terrorista la scienziata pachistana Aafia Siddiquei, 37 anni, fermata in Afghanistan perché in possesso di materiali chimici.

L'accusa - Secondo la versione dell'accusa, nel luglio 2008 la donna, sospettata  di legami con Al Qaeda, avrebbe tentato di fuggire mentre veniva interrogata e, nel tentativo di fuga, avrebbe strappato l'arma a uno dei militari e cercato di premere il grilletto. L'unica a restare ferita era stata comunque la stessa Siddiquei.

Torturata in prigione - La tesi sostenuta dalla difesa è invece che la donna abbia provato a scappare senza però aggredire o minacciare in alcun modo i soldati. I legali inoltre accusano il personale Usa di aver torturato e violentato l’imputata mentre era detenuta in una prigione segreta della Cia e poi nel carcere della base di Bagram, in Afghanistan.


Aafia Siddiquei ha studiato al prestigioso Mit (Massachusetts Institute of Technology ) degli Stati Uniti, specializzandosi in neuroscienze. Adesso che è ritenuta colpevole di tentato omicidio e aggressione rischia il carcere a vita.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog