Cerca

Nemici dei narcotrafficanti sciolti nell'acido

In Messico ritrovato macabro cimitero. Almeno 600 vittime

Nemici dei narcotrafficanti sciolti nell'acido
Scoperti resti di cadaveri sciolti nell’acido in un accampamento messicano. A fare il macabro ritrovamento sono stati alcuni soldati, secondo cui l’accampamento di Refugio de los  Ibarra, a 300 chilometri da Monterrey, era utilizzato dai narcotrafficanti per far sparire i corpi delle loro vittime, sciolti e lasciati nei barili dell’acido. Fonti della Settima Zona militare rendono noto che non si è ancora risalito al numero delle vittime.

Nello stato del Nuevo Leon, sede di grandi gruppi industriali, sono attivi i cartelli Los Zetas e Beltran Leyva,  due delle più violente organizzazioni del narcotraffico. L’anno  scorso era stato arrestato a Tijuana, in Bassa California, il boss  della droga Santiago Meza, detto "El Pozolero" accusato di aver sciolto nell’acido almeno 600 persone.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nicola.guastamacchiatin.it

    06 Febbraio 2010 - 21:09

    Se la droga,per chi ne fa uso, potesse essere assunta attraverso i Presidi Sanitari in tutte le parti del mondo per far fronte alle molteplici richieste, pagando soltanto le prestazioni sanitarie, l'Impero del male finirebbe immediatamente. A molti di noi cittadini,sembra che proibirne per legge la libera circolazione, fa guadagnare a tutte le cosche e mafie mondiali miliardi di dollari o euro. Proibirne il libero uso è soltanto utopistico perchè, chi la usa,è pronto a vendersi anche l'anima pur di averla ed allora, come il tabacco o l'alcol che fanno altrettanto male, lasciamo che siano costoro a decidere come vivere o morire ma, almeno, per averla non dovranno più essere costretti a delinquere. Si spera soltanto che qualche cervello intelligente ed onesto di chi comanda nei governi, si dia da fare affinchè questo obbrobrio abbia a cessare.

    Report

    Rispondi

blog