Cerca

Congo, prima laurea a un pigmeo

Samy Bigabanota è dottore in Medicina grazie alla sua perseveranza e al sostegno della Chiesa

Congo, prima laurea a un pigmeo

Il pigmeo Samy Bigabanota si laurea in Medicina. L’evento è unico: all’Università cattolica di Butembo, nel nord Kivu, Repubblica democratica del Congo, è stata consegnata la prima laurea a un esponente dell’etnia pigmea.

Il ragazzo, dopo gli studi primari a Mabassa, grazie alla sua famiglia adottiva di etnia Budu, nel 2002 si è iscritto all’università. È arrivato fino all’atteso traguardo "grazie alla sua perseveranza, all’ostinazione e al suo coraggio”.  E, come ha spiegato il rettore Mafikiri Tsongo, durante la cerimonia di consegna, “è riuscito ad affermarsi e ha suscitato rispetto e ammirazione nei professori e nei suoi colleghi di studi", nonostante in pochi credessero in lui.

Piena soddisfazione anche da parte di Jakson Basikania, coordinatore dell’ong “Programma di appoggio ai pigmei”, che ha sottolineato l’importanza del sostegno e della generosità della Chiesa cattolica per il “dottor Bigabanota” e il suo difficile percorso. Altri pigmei frequentano l’università, ma, fino ad oggi, Samy è l’unico ad essere arrivato fino in fondo.

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • r2

    10 Febbraio 2010 - 13:01

    E' incredibile incocciare in due come spalella e grillo. Comunque Sig. grillo credo debba ammettere che se anche il pigmeo risultasse un pessimo dottore ma un buon infermiere da quelle parti sarebbe buona cosa comunque. Poi mi chiedo come faccia Lei a capire che quella laurea è un attestato di poco conto? Magari se lo spiega ...

    Report

    Rispondi

  • beppeca

    08 Febbraio 2010 - 18:06

    Mi sorprende che questo Signore (o Signora) parli degli abusi dei preti sui minori... E' vero, anche la Chiesa lo denuncia, anche se in valori assoluti, questi casi sono una quasi nullità... molto inferiore agli stupri ed altre violenze che ovunque si consumano. Ma ritorniamo al fatto dei preservativi: la Chiesa ha detto chiaramente che, presentando questo involucro una certa porosità, anche se alquanto ridotta, il virus dell'AIDS, essendo nettamente più piccolo può agevolmente passare e... Il fatto che certi missionari ne facciano dono a certe popolazioni é da vedere come un invito ad un più sano comportamento sessuale di questa gente. Quindi, prima di accusare o sparlare, sarebbe bene informarsi.

    Report

    Rispondi

  • ilcantodelgrillo

    08 Febbraio 2010 - 18:06

    Si infatti..sarà una MINILAUREA o una laurea RIDOTTA... una laurea "pigmea". Tutto è relativo: gli hanno insegnato come è fatta una cellula ed allora da apprendista stregone l'hanno promosso a medico. Una vola i medici erano gli aromatari, poi gli speziali (farmacisti in senso lato) ed i chirurghi discendono dai barbieri. Anche i pigmei stanno percorrendo la stessa strada ma il "Callista" ora loro lo chiamano direttamente chirurgo e lo speciale-stregone direttamente medico. Ah il politicamente corretto ha contaggiato anche i mini uomini come siamo andati cosi' in "basso"---

    Report

    Rispondi

  • spalella

    08 Febbraio 2010 - 18:06

    E' stato fortunato questo pigmeo a non essere stato scambiato per un bambino perchè in genere i bambini li violentano, i preti. Ma bisogna anche essere onesti e riconoscere che i missionari, se di missionari si tratta, non fanno parte della burocrazia corrotta e dannosa che li comanda, anzi sono molto dissimili sia nella consistenza personale, che nella fatica, che anche negli obiettivi perseguiti. Solo per fare un esempio, molti missionari distribuiscono profilattici nei paesi infetti da aids, mentre il burocrate capo a roma nega la sua legittimità ed efficacia. Il mondo è vario e, come si vede, non è certo la religione che fà la differenza......

    Report

    Rispondi

blog