Cerca

Autobomba contro i russi

Sette morti in Ossezia

Autobomba contro i russi

Sono sette i morti dell'esplosione di un'autobomba a Tskhinvali, capoluogo della regione separatista georgiana dell'Ossezia del Sud, che avrebbe avuto come obiettivo le forze di peacekeeping russe. Ne ha dato notizia l'agenzia di stampa Interfax, che cita fonti del governo locale di Tskhinvali, secondo cui l'esplosione di una bomba che era nascosta in un veicolo Uaz è avvenuta nei pressi di una base dell'Esercito russo. Diversa la versione fornita dall'agenzia di stampa Itar-Tass, secondo cui obiettivo dell'attentato sarebbe stato in realtà un amministratore regionale nominato dalle forze russe, Anatoly Margiev, il cui veicolo era appena passato quando si è verificata l'esplosione, che sarebbe stata provocata da un ordigno radiocomandato. Il presidente dell'Ossezia del Sud, Eduard Koikoty, ha accusato le forze speciali georgiane di essere dietro all'attacco, avvenuto due giorni dopo il dispiegamento nella zona cuscinetto che separa la regione dalla Georgia della missione degli osservatori Ue, incaricata di verificare il ritiro delle truppe russe che dovrebbe essere concluso entro venerdì prossimo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog