Cerca

Diritti Umani, Cina presenta contro-rapporto a Stati Uniti

Anche l'Italia bacchettata per la scarsa tutela delle minoranze rom e gay

Diritti Umani, Cina presenta contro-rapporto a Stati Uniti
Nuovo scontro tra Washington e Pechino dopo il rapporto annuale sui diritti umani nel mondo del Dipartimento di Stato Usa, che ha denunciato un "peggioramento" della situazione in Cina e Iran. In particolare Pechino è stata messa sul banco degli imputati per gli abusi sulle minoranze tibetana e musulmana e per i suoi tentativi di controllare l’uso di Internet e di restringere la libertà di informazione. Il governo "impiega migliaia di persone a tutti i livelli (nazionale, provinciale e locale) per sorvegliare le comunicazioni elettroniche", si legge nel rapporto.

La Cina
ha reagito accusando a sua volta gli Stati Uniti di usare i diritti umani come "strumento politico per interferire negli affari interni di altri Paesi, diffamare le altre nazioni e perseguire i propri interessi strategici".

Il Consiglio di Stato ha diffuso l’undicesimo contro-rapporto sulle violazioni dei diritti umani negli Usa in cui denuncia le restrizioni alla libertà di stampa e di espressione, le intercettazioni telefoniche a tappeto e il monitoraggio di Internet avviati dopo l’11 settembre. Inoltre, viene spiegato, sono in aumento gli abusi di poetre e i crimini violenti. "Ma gli Usa sorvolano o addirittura copre le lampanti violazioni sul loro territorio", si legge nella nota d’accompagnamento del Consiglio di Stato.

Quanto alla censura su Internet, al centro di uno scontro con Google, è arrivata l’apertura del ministro dell’Industria e dell’Informazione tecnologica, Li Yizhong, che ha assicurato che il gigante di Mountain View è il benvenuto se vorrà espandere la sua quota di mercato in Cina. A conferma della schiarita preannunciata dal direttore esecutivo di Google, Eric Schmidt, Li ha affermato che spetta solo al più grande motore di ricerca della rete decidere se restare in Cina o meno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gasparotto

    12 Marzo 2010 - 13:01

    Dagli Stati Uniti sono arrivate oltre tante cose buone anche tutte le nefandezze , nel nome dei diritti umani. Va l'immaginate se la Cina si lasciasse andare come l'occidente,per non dire l'Italia? Ve l'immaginate che putiferio ne verrebbe fuori con un partito come i radicali, un sindacato come la CGIL oppure un codice penale e civile come il nostro ? Ve l'immaginate cosa sarebbero capaci di fare un miliardoemezzodipersone? Lasciate perdere la Cina, sta bene come sta, a me piace così. Tutti ubbidienti e rispettosi delle leggi, se no sanno benissimo cosa li aspetta. Non credo che ci sarebbero ancora in giro gente come le ex brigate rosse, i fidanzatini piccolini di Novi Ligure, gli A.Izzo etc etc . La Cina è così, c'è chi comanda e chi ubbidisce.Da quelle parti un Sant'oro che contesta il potere sarebbe sparito tra le nebbie e nessuno avrebbe saputo nulla. Non per niente il PIL è il più alto al mondo, altro che scioiperi selvaggi. Dopo la Russia la Cina? Impossibile.

    Report

    Rispondi

blog