Cerca

La Francia punisce Sarkozy

Partito socialista prima forza di Francia con il 29,1%, la destra dell'Ump al 27,3%, Verdi 13%, Le Pen 11%

La Francia punisce Sarkozy
Alle urne la Francia punisce il presidente Nicolas Sarkozy. Al primo turno del voto regionale la destra presidenziale dell'Ump viene clamorosamente sconfitta (tra il 26,7% e il 27,3%), mentre il partito socialista (Ps) di Martine Aubry incassa tra il 29,1% e il 30% dei voti e il Fronte Nazionale di estrema destra di Jean Marie Le Pen si impone come quarta forza politica nazionale (tra l'11,2 e il 12% delle preferenze). La leader socialista soddisfatta ringrazia i francesi: «Hanno posto il Partito socialista largamente in testa, siamo di fronte a un risultato storico, e dico grazie ai milioni di elettrici ed elettori che ci hanno dato il voto».
Disfatta invece per il MoDem, il partito centrista di Francois Bayrou, che esce fortemente ridimensionato dal primo turno, totalizzando meno del 5% dei voti. Calano di quasi 5 punti rispetto alle europee dello scorso giugno gli ambientalisti di Europe Ecologie, guidati da Daniel Cohn-Bendit, che totalizzano circa l'11,4% dei suffragi.

Astensionismo - Il primo scrutinio - il secondo si terrà domenica prossima - segna livelli record di astensionismo:  il 53% degli aventi diritto hanno disertato le urne.  Il premier francese Francois Fillon ha commentato: «La scarsa partecipazione non consente di trarre da questo scrutinio una lezione nazionale. Contrariamente a tutte le previsioni nulla è dunque deciso per il secondo turno in numerose regioni. Tutto resta aperto». Questo scrutinio è l'ultimo appuntamento elettorale prima del voto presidenziale del 2012.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • franco bulgarelli

    16 Marzo 2010 - 09:09

    per favore non fate paragoni tra la Francia e l'Italia e tra Berlusconi e Sarkosy.. domenica prossima il presidente francese può anche recuperare..la differenza però e nel fatto che mentre Sarkosy è eletto direttamente dal popolo, cosa che non avviene per Berlusconi.....l'altra differenza è che Berlusconi le donne le ama ..Sarkosy invece le sposa per esibirle in giro per il mondo........

    Report

    Rispondi

  • 44carlomaria

    15 Marzo 2010 - 17:05

    Vero sia Nicolas che Silvio hanno un trofeo sulla testa. Però il paragone finisce quì. Sarkozy è il classico grandeur francese. Nel mondo contano solo loro. Voleva la bicicletta e poi non ha pedalata. Non riesce nemmeno a seguire la moglie Carlà quando corrono. In Italia il discorso è diverso: gli antagonisti di Silvio sono tutti perdenti: Bersani, Dalema, Franceschini, Veltroni,e via: tutti trombati e incapaci di governare. Sono anche brave persone ma, purtroppo soffrono del complesso del perdente che risale al Migliore, Togliatti per chi non lo ricorda. Asvedommia

    Report

    Rispondi

  • ghorio

    15 Marzo 2010 - 17:05

    Evidentemente i francesi hanno punito il partito di Sarkozy per le promesse non mantenute da quest'ultimo. Il risultato è un campanello d'allarme per il centrodestra italiano, le cui promesse elettorali somigliano a quelle francesi. Il riferimento sono la mancata riduzione fiscale, l'eliminazione delle province, la riduzione drastica dei paralementari e auto blu e così via: Argomenti che sono scomparsi dai giornali, di opposizione, troppo presi dalle intercettazioni telefoniche di Silvio e compagni, e da quelli di appoggio al governo, come "Libero", troppo preso a difendere Silvio e compagni, adesso si è aggiunto Minzolini, dagòli attacchi avversari. Naturalmente nei commenti di oggi, a meno che non mi sia sfuggito, non ho visto su alcuno giornale italico, la considerazione sul fatto che i francesi votano in uno giorno e chiudono i seggi alle 20. Giovanni Attinà

    Report

    Rispondi

blog