Cerca

Google, vince la censura cinese

La stampa asiatica annuncia la chiusura del motore di ricerca nel Paese entro il 10 aprile

Google, vince la censura cinese
Per il momento è solo un'indiscrezione, non confermata, ma neanche smentita. Google potrebbe lasciare la Cina il 10 aprile. Ad annunciarlo è il quotidiano di Shanghai China Business News (Cbn), secondo cui il colosso di Mountain View definirà entro il prossimo lunedì i dettagli della sua uscita dal Paese e le disposizioni sul personale cinese.

La portavoce di Google in Cina, Marsha Wang, non ha voluto commentare l'indiscrezione, ma dopo le denunce del motore di ricerca sulla censura e i cyberattacchi cinesi la possibilità di una ritirata si fa sempre più concreta.

Lo scorso gennaio Google ha denunciato alcuni attacchi informatici contro i conti di posta elettronica dei suoi clienti, in paritcolare dei dissidenti cinesi. Per tutta risposta la società americana ha rimosso i filtri presenti su Google.cn, censurato dal 2006 in accordo con le autorità cinesi, e ora minaccia di chiuderlo.

Secondo il quotidiano "Financial Times" la decisione è già stata presa e la compagnia starebbe  studiando un modo per non danneggiare i suoi dipendenti cinesi, che sono alcune centinaia. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blueeyesplotter

    19 Marzo 2010 - 12:12

    Ma che rimanga isolata allora la Cina! Non gli va bene come si vive nel mondo civile? Bene, allora che rimanga chiusa in se stessa! Bene fa google ad andarsene!

    Report

    Rispondi

blog