Cerca

"Il massacro di Srebrenica colpa dei soldati gay"

Bosnia, la denuincia shock di un ex generale Nato

"Il massacro di Srebrenica colpa dei soldati gay"
Il massacro di Srebrenica in Bosnia è stata tutta colpa dei soldati gay. La denuncia shock, riguardo alla strage del 1995 in cui morirono 8 mila persone, arriva da John Sheehan, un generale americano in pensione, ex comandante delle forze Nato.
Proprio mentre il Senato americano sta discutendo sugli omosessuali apertamente dichiarati in divisa, il militare è intervenuto per spiegare che il contingente olandese era gravemente impreparato a difendere i musulmani bosniaci dall’aggressione delle armate serbe perché c’erano anche numerosi soldati gay. «Il crollo dell’Unione Sovietica ha spinto gli eserciti europei, compreso quello olandese, a credere che non ci fosse più bisogno di persone dalla forte capacità di combattimento. Quindi hanno cominciato ad allargare le maglie del reclutamento, ammettendo anche i gay dichiarati», ha detto Sheehan.

Sgomento e assolutamente contrario a questa visione è l’ambasciatore olandese a Washington, Renee Jones Bos: «Vorrei ricordare con orgoglio il contributo che gay e lesbiche hanno dato e danno quotidianamente alle nostre forze armate ormai da decenni distinguendosi in tanti teatri di guerra, e oggi in Afghanistan. La missione olandese a Srebrenica è stata studiata e valutata da molti rapporti al livello nazionale e internazionale, ma nessuno di loro – ha concluso l’ambasciatore – ha mai individuato alcuna relazione tra la strage dei musulmani e la presenza di soldati gay»

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • comancero

    19 Marzo 2010 - 18:06

    Quanado ci sim trova in certe situazioni l'orientamento SESSUALE non centra.Ricordo benissimo le foto in cui il soldato OLANDESE getto via il BASCO BLU.Furono i vertici che non vollero intervenire.

    Report

    Rispondi

  • p.giorgio

    19 Marzo 2010 - 17:05

    Sig. Semovente, forse Lei è abituato a considerare gay solo quelli che si esibiscono al gay pride. Non è così. Io sono maschio gay, di notevole prestanza fisica e mi sono fatto una "normale" famiglia felicissima, con figli e nipoti. Lei invece è solo un povero idiota, che, in lingua italiana, significa "poco acuto". Studi un po' di piu', invece di scrivere idiozie.

    Report

    Rispondi

  • mightygiulio

    19 Marzo 2010 - 17:05

    @semovente - vero, ci sono delle "fatine" ma non dirai sul serio che li ritieni tutti uguali? ci sono anche marcantoni con tanti muscoli quanti qualsiasi altro soldato... mi sembra che tu abbia una visione fatta solo stereotipi...

    Report

    Rispondi

  • semovente

    19 Marzo 2010 - 16:04

    Da quanto esplicato dal generale, credo che non possano esserci dubbi sulle ridotte capacità di combattimento diretto delle persone omosessuali. La prestanza fisica è certamente inferiore a quella di un maschio.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog