Cerca

Sarah Palin, 1,5 milioni a puntata per condurre un reality

L'ex candidata alla vicepresidenza Usa si dà alla tv in attesa delle prossime elezioni

Sarah Palin, 1,5 milioni a puntata per condurre un reality
Sarah Palin in attesa di provare a candidarsi alla Casa Bianca per i repubblicani o da indipendente nel 2012 si dà allo spettacolo. Commentatrice per la FoxNews, l’ex governatrice dell’Alaska, ha chiesto tra 1 e 1,5 milioni di dollari per condurre un reality show. Secondo Hollywood Reporter, l’ex compagna di avventura di John McCain produrrebbe anche lo show naturalistico "Sarah Palin's Alaska", insieme a Mark Brunett, l’autore di altri reality come 'Survivor' e 'The Apprentice'.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ghorio

    20 Marzo 2010 - 12:12

    Ammiro gli Stati Uniti d'America per il loro impegno nella prima e seconda guerra mondiale a favore della spenta Europa e per il loro operare in avarie parti del mondo, tra cui il piano Marshall per l'Italia, ma, avolte, gli americani mi fanno ridere. Pagare così tanto la signora Sarah Palin mi sembra davvero uno sperpero di danaro , anche se a pagare è la Fox. La notizia fa il paio con gli spettacoli presentati dai conduttori in Italia, compresi quelli politici, con i conduttori strapagati che non merireterbbero più di duemila euro al mese. Ma la tv, si sa, è sopravvalutata all'inverosimile, con la benedizone della carta stampata che procura la pubblicità gratuita. Giovanni Attinà

    Report

    Rispondi

  • blues188

    20 Marzo 2010 - 12:12

    Impari dai nostri siciliani come si fa ad avere una pensione d'oro a vita dopo aver vissuto senza far nulla. O dai napoletani che hanno la pensione già a vent'anni. O dai calabresi che si fanno assumere per poi giocare a carte tutto il giorno seduti a guardia di un alberello a farne la guardia in quattro. O dai pugliesi che hanno tantissimi finti braccianti agricoli che ricevono sussidi statali. O da quelli che pagano la laurea e poi si fanno assegnare al Nord rubando posti di lavoro senza alcun merito.

    Report

    Rispondi

blog