Cerca

Vince alla lotteria, ma muore solo e senza soldi

È accaduto a Londra al 58enne Keith Gough

Vince alla lotteria, ma muore solo e senza soldi
Morire soli e poveri, nonostante una vincita milionaria. È accaduto a Keith Gough, l’ex fornaio britannico, che nel giugno 2005 aveva vinto 9 milioni di sterline - oltre 10 milioni di euro - alla lotteria, morto solo e senza più un soldo.

La triste storia è stata ricordata da Sky News, che ha pubblicato una sua foto insieme alla moglie Louise, all’epoca della vincita milionaria. Gough è morto al Princess Royal Hospital di Telford, nello Shropshire, probabilmente per un infarto. Due anni dopo la vincita la coppia, sposata da 25 anni e con un figlio adolescente, si era separata.

L’anno scorso l’uomo era stato protagonista di una storia pubblicata su News of the world, dal titolo "Il perdente numero uno", in cui raccontava che la sua vita era stata completamente rovinata dalla somma vinta. Gough spiegava di aver perso tutto – moglie e amici inclusi - e che ormai passava le giornate con la sola compagnia della bottiglia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • t0p0_gigi0

    05 Aprile 2010 - 16:04

    togliere ai ricchi per donare ai poveri. Una specie di vangelo che porti l'essere umano al suicidio collettivo. Se ne deduce già dalle piccole vincite e dalle grandi teste di "C". Forse per paura d'incappare in tal fortune non sarò mai comunista o ecclesiasta.Rimango povero e così sia!

    Report

    Rispondi

  • lupacchiotto

    05 Aprile 2010 - 10:10

    Il denaro deve andare a chi sa gestirlo e moltiplicarlo. Insomma, ad uno zio paperone. Anche da noi casi simili:ricordo quello del siciliano che al termine della "ricchezza" si buttò sotto un treno. E,in America, se non è ancora saccaduto,c'è il tenente Colombo che barboneggiando potrebbe fare fine peggiore. Ovviamente non è un augurio;resta il fatto che come dicevasi scherazando ma non troppo: non c'è cosa peggiore del povero arricchito(!!!). Non facciamocene una malattia e auguroni ai Berluscones!

    Report

    Rispondi

blog