Cerca

"Il Papa non rimosse prete pedofilo"

Il Vaticano nega. La denuncia in una lettera pubblicata dall'agenzia Ap / Leggi il testo

"Il Papa non rimosse prete pedofilo"
La lettera bomba pubblicata dall'agenzia Ap venerdì sera manda ancora una v0lta in subbuglio il Vaticano. Proprio il giorno in cui il Santo Padre si è detto disponibile a «nuovi incontri» con vittime dei preti pedofili, dagli Usa è arrivata contro di lui una nuova dura accusa, con documenti che proverebbero la resistenza alla rimozione di preti pedofili operata dall'allora cardinale Ratzinger, per timore che ciò avesse conseguenze sulla Chiesa. La lettera in particolare mostrerebbe come nel 1985 Joseph Ratzinger, allora prefetto della Congregazione per la dottrina della fede, fece resistenza alla riduzione allo stato laicale di Stephen Kiesle, sacerdote statunitense accusato di pedofilia, spiegando che ciò avrebbe avuto conseguenze sul «bene della Chiesa universale». 

La difesa - L’avvocato della Santa Sede difende Papa Ratzinger nel caso Oakland. L'avvocato della Santa Sede negli Stati Uniti, Jeffrey Lena, ha detto infatti che l'allora cardinale Joseph Ratzinger disse al vescovo di Oakland di assicurare che un prete con precedenti di molestie sessuali non commettesse più abusi, mentre la Chiesa lavorava per riportarlo allo stato laicale.
A proposito di una lettera del 1985 firmata da Ratzinger, allora Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, Lena ha spiegato che quando il futuro Papa esortava il vescovo di Oakland a usare nei confronti di padre Stephen Kiesle «il massimo della cura paterna» faceva riferimento a una vecchia formula della Chiesa, il cui senso era ritenere il vescovo responsabile di assicurare che il prete in questione non commettesse più abusi.
Lena ha spiegato che non ci sono casi conosciuti di molestie da parte di Kiesle tra 1981, quando la diocesi ne raccomandò per la prima volta il ritorno allo stato laicale e il 1987 quando il sacerdote fu “spretato”.

Il legale, riferirendosi al caso di Stephen Kiesle Kiesle – che all'epoca, aveva 38 anni – di Oakland, spiega che «durante tutto il processo, il prete rimase sotto il controllo, l'autorità e l'assistenza del vescovo locale responsabile del fatto che non facesse di nuovo del male, come il codice canonico prevede. Il caso di abuso sessuale non fu mai trasferito al Vaticano». «Alla Congregazione della Dottrina delle fede - sottolinea l'avvocato - fu posto il problema se vi erano condizioni per ridurlo allo stato laicale. A quel tempo la Congregazione per la Dottrina della fede non aveva la competenza sui casi di abusi. Le competenze erano dei vescovi locali».
La riduzione allo stato laicale del prete fu condotta «in modo spedito, non secondo gli standard attuali, ma secondo gli standard di quel tempo». Inoltre, mentre il procedimento era in corso, il prete non commise altri abusi.

Solo nel 2001, con il documento sui “Delicta graviora”, la Congregazione per la Dottrina della Fede ha avocato a sè tutti i casi di abusi sessuali compiuti da sacerdoti sui minori. Ratzinger, interpellato sulla riduzione allo stato laicale di Kiesle, suggeriva un periodo più lungo per considerare la vicenda: la congregazione «sebbene consideri gli argomenti a favore della rimozione in questo caso di grande significato, ritiene tuttavia necessario considerare il bene della Chiesa universale insieme a quella del richiedente, e non può prendere alla leggera il danno che concedere la dispensa provocherebbe nella comunità dei fedeli cristiani, in particolare per quanto riguarda la giovane età del richiedente».


La lettera -
Ecco la traduzione in italiano (il testo originale è infatti in latino) del testo della lettera che il futuro Papa scrisse al vescovo di Oakland John S. Cummins, nel 1985, relativa al caso di un prete pedofilo, padre Stephen Kiesle.

"Dopo aver ricevuto la sua lettera del 13 settembre di quest’anno, per quanto riguarda la rimozione da ogni obbligo sacerdotale di padre Stephen Miller Kiesele, è mio dovere condividere con lei le seguenti considerazioni. Questa corte, sebbene consideri gli argomenti a favore della rimozione in questo caso di grande significato, ritiene tuttavia necessario considerare il bene della Chiesa universale insieme a quella del richiedente, e non può prendere alla leggera il danno che concedere la dispensa provocherebbe nella comunità dei fedeli cristiani, in particolare per quanto riguarda la giovane età del richiedente. E’ necessario per questa Congregazione sottoporre casi di questo tipo ad una considerazione molto attenta, che necessita un più lungo periodo di tempo. Al contempo Sua Eccellenza non deve mancare di fornire al richiedente la maggiore cura paterna possibile e inoltre spiegare allo stesso le riflessioni di questa corte che è solita procedere tenendo il bene comune particolarmente presente. Mi permetta di cogliere questa occasione per esprimerle i sentimenti della più alta stima nei suoi confronti, la sua Eccellenza reverendissima cardinale Joseph Ratzinger".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • accademico

    12 Aprile 2010 - 08:08

    Il Papa, che è evidentemente capace di difendersi da solo, va da noi cristiani comunque sostenuto e sorretto. La fermezza dottrinale di Benedetto XVI, il suo non fare sconti a nessuno, il suo costante e convinto richiamo alla sacralità di valori non negoziabili preoccupano non poco il branco abituato nei secoli a sparare, impunito, sulla croce rossa. Con Benedetto XVI si scherza poco, anzi non si scherza affatto. L'assurdo, inqualificabile linciaggio mediatico, in parte anche politico,di cui Egli è fatto oggetto non riuscirà a scalfire minimamente la roccia adamantina della sua autentica fede. Il Maligno dovrà arrendersi e si arrenderà. Le forze del Male in genere hanno sbagliato bersaglio. Non prevalebunt!

    Report

    Rispondi

  • accademico

    12 Aprile 2010 - 08:08

    per Veneziana 49 - commento n.1 - H 18:46 del 10 corr. - Ella, con il Suo sgrammaticato quanto scomposto delirio, vorrebbe darci ad intendere di essere cristiana. Ma si vergogni e stia in là: Ella non sa quello che dice!

    Report

    Rispondi

  • accademico

    12 Aprile 2010 - 08:08

    per Dariorubes - commento n. 2 - H 18.38 del 10 corr. - Acuta... osservazione la Sua. Ha però trascurato di osservare che il Pontefice non ha speso una parola neppure... per affermare che non ci sono più le mezze stagioni.... Acutissimo Lei, signor Dariorubens...

    Report

    Rispondi

  • accademico

    11 Aprile 2010 - 21:09

    Non discuto le decisioni che possa aver preso a quei tempi il teologo Ratzinger,e per la sua onestà intellettuale,e perchè la decisione andrebbe vista alla luce del periodo storico in cui venne attuata.Nel contempo,vorrei esprimere una mia considerazione.E' indubbio che il mondo intero sia stato attraversato negli ultimi anni da un'ondata devastante di totale immoralità che ha coinvolto anche parte della Chiesa.Mi riferisco agli episodi gravissimi apertamente condannati da Sua Santità, per i quali il Pontefice non ha esitato a punire senza possibilità di appello i responsabili, addirittura contravvenendo,proprio Lui teologo per eccellenza.,al preciso dettato evangelico che dispone il recupero della "pecorella smarrita".In una situazione gravissima come questa mi permetterei però di proporre un aggiornamento liturgico che potrebbe forse concorrere a ridurre l'incidenza del fenomeno.Mi riferisco al sacramento della Confessione che vedrei avulsa da pleonastiche intermediazioni terrene

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog