Cerca

Nucleare, via al summit di Obama

Al vertice partecipano i leader di 47 Paesi. Atteso il presidente del Consiglio Berlusconi

Nucleare, via al summit di Obama
Si apriranno questa sera a Washington i lavori del Nuclear Summit Security. Il vertice sulla sicurezza nazionale organizzato dal presidente americano Barack Obama inizierà con la cena offerta ai capi di stato e proseguirà con la seduta plenaria, all'inseguimento di ambiziosi obiettivi: un mondo privo di armi nucleari e la fine del terrorismo nucleare.

Al summit partecipano i leader di 47 Paesi, il segretario delle Nazioni Unite, Ban Ki Moon, il direttore generale dell'agenzia per l'energia atomica, Yukiya Amano, il presidente del Consiglio Europeo, Herman Van Rompuy. L'Italia sarà rappresentata dal presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, che poi incontrerà il leader brasiliano Luiz Inacio Lula.

Durante il vertice verranno fissate delle linee guida e un programma per il lavoro dei prossimi anni. In particolare, Obama ribadirà l'impegno contro il terrorismo. Nei giorni scorsi, il segretario di Stato americano, Hillary Clinton, ha spiegato che «la minaccia di un conflitto nucleare, - di un attacco nucleare, come si temeva durante la Guerra Fredda, - è ora diminuita. È invece aumentata la minaccia di terrorismo nucleare. Vogliamo che l'attenzione mondiale sia concentrata su quello che è necessario fare, a fronte degli sforzi di Al Qaeda e di altri gruppi terroristici per assicurarsi sufficiente materiale nucleare per provocare terribile distruzione e perdite di vite umane da qualche parte nel mondo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • VincenzoAliasIlContadino

    14 Aprile 2010 - 15:03

    Io credo che sia stato un errore non avere usato piccole cariche nucleari su quelle montagne Afghane per isolarli per 50 anni! Altro errore grossolano di vocazione e paciere mancata delle Nazioni Unite, sempre onnipresente nelle sconfitte dal Sud Africa e in Medio Oriente, come l’inettitudine nel genocidio in Ruanda che fu uno dei più sanguinosi episodi della storia, qui furono massacrati a colpi di armi da fuoco, machete e bastoni chiodati oltre un milione di esseri umani! In Afghanistan iniziato nell’ottobre 2001, poco dopo gli attentati dell’11 settembre 2001 al G0 di New York. Gli Stati Uniti con l‘Onu, anziché usare piccole atomiche nucleari su quella catena montuosa Afgana, meglio dire sui luoghi ove si rifugiava il leader di Al Qeada, Osama Bin Laden, ora noi ci lecchiamo le ferite e del grande bluff della “ crisi mondiale Finanziaria, altro non è stato, succhiarci soldi a poveri cristi: mentre, questi operatori, top manager usciti alla grande con liquidazioni da favola e l’Osama Bin Latrina (quando è in fuga, piscia contro vento) libero di trecento duplicarsi la produzione del papavero che sarà anche un fiore, ma riempie ( e non si spiega perché questa via non è ostacolata energicamente compresi i parenti che studiano in colleghi per miliardari in Svizzera) le stanze delle banche Svizzere e degli altri Paesi sotto bandiere degli stati membri dell’Onu o no, ricordiamo pure l’episodio, come Pino Arlacchi, l’eletto Mugellano per l‘Idv, si fece fregare 40 milioni di $ per smaltire i campi di papaveri che Bin Laden li spostarono solo più in la? Io credo che l’operazione Enduring Freedom ed altri attacchi in seguito in Iraq. Questo avrebbe portato ricchezza al mondo con milioni di vittime in meno, se consideriamo i morti certi e altri con droghe, suicidi e senza contare i feriti e soldati malati assieme ai familiari che col dolore hanno perso ogni speranza di vivere! Ora urlano che sono sproporzionate le risposte di Israele, ma provateci a viverci voi, sia pure nei bunker ed essere bersagliati ogni santo minuto della giornata da co**ni di terroristi (non Popolo) che subisce) con continui invii di Katiuska, qassam grad, ed attacchi sotterranei con kalashnikov! A questi chi invia questi miliardi per acquistare queste armi? Bush senior e Junior sono stati odiati: voi non pensiate senza queste azioni, sia pure scellerate, ora non potranno avere l’atomica, ma pensaci Giacomino, se si fossero comportati come i “ pacifisti ” Kompagnuzzi, ma menano con estintori, trave e bastoni al G8, quanti miliardi di cittadini non sarebbero morti? http://vincenzoaliasilcontadino.splinder.com/ http://vincenzoaliasilcontadino.ilcannocchiale.it/ http://www.facebook.com

    Report

    Rispondi

blog