Cerca

Abu Omar: col risarcimento fonderò un partito islamico

L'ex imam pensa di darsi alla politica usando i soldi che Milano gli ha riconosciuto: 1,5 milioni di dollari

Abu Omar: col risarcimento fonderò un partito islamico
 Il simpatico Abu Omar torna a farsi sentire. A quanti in questi anni l'hanno difeso come una povera vittima dell'Occidente incavolato forse oggi si fermerà il respiro, per un attimo. Dice infatti l'ex imam "rapito" nel 2003 dalla  Cia che "con i soldi di  risarcimento che otterrò dal processo di Milano ho intenzione di  fondare un partito politico islamico in Egitto". Prendi su e porta a casa. Si tratta di 1,5 milioni di dollari che il tribunale milanese ha riconosciuto come necessari per risarcire il pover uomo. Ci sono poi i 20   milioni di dollari chiesti al tribunale europeo dei Diritti dell’uomo  dal suo legale, l’egiziano Montaser al-Zeyyat, che si recherà a  maggio a Milano per accelerare i tempi della riscossione. Abu l'ha detto  in un’intervista al giornale arabo  'al-Sharq al-Awsat'. E visto il tipo, c'è da giurare che non sarà un partito moderato.

Hassan Mustafa Osama Nasr, questo il suo vero  nome, ha deciso  dunque di scendere in campo nella  politica del suo Paese natale.

Una discesa o che non sarà immediata dal momento che le  sue precarie condizioni economiche, essendo disoccupato, gli  impediscono di finanziare attività politiche. "Quando la mia  condizione migliorerà - spiega - ho intenzione di fondare un partito  islamico nel mio paese. Ho già avviato i contatti con diversi  esponenti islamici locali".

 L’ex imam di Milano sostiene inoltre di  aver ricevuto pressioni per non candidarsi alle prossime elezioni  parlamentari egiziane, ma promette che "una volta che avrò ottenuto i  soldi di risarcimento per quanto mi è accaduto nel proccesso di  Milano darò vita a un’associazione o a una corrente perchè non ho  abbandonato la lotta politica".

Il giornale arabo sottlinea come Abu Omar viva nel quartiere  popolare di Muharram Bek, un tempo roccaforte della sinistra egiziana   e dalla fine degli anni Ottanta zona controllata dalla corrente   islamica. Qui abita in un piccolo appartamento in affitto con la prima  moglie albanese e la figlia. Sfruttando la popolarità acquisita di  recente, in un primo momento l’esponente islamico intendeva   presentarsi alle elezioni parlamentari di settembre, ma ha poi vi ha  rinunciato. "Non ho però rinunciato alla vita politica - ha aggiunto   - e sosterrò qualsiasi candidato dei Fratelli Musulmani si presenti  nel mio quartiere. Combatterò inoltre contro qualsiasi candidato del  partito di governo, fosse anche un ministro".


Infine l’ex guida islamica milanese rivela di aver ottenuto di  recente "il passaporto, anche se non mi è consentito viaggiare   all’estero, eccetto per eseguire il pellegrinaggio alla Mecca che non  posso però fare a causa dei miei problemi finanziari". Abu Omar  conferma infine che da quando si trova in Egitto non ha mai "svolto  l'attività di imam per le pressioni esercitate dalle autorità, ma  prego in una moschea del mio quartiere dietro un esponente dei  Fratelli Musulmani e non vedo l’ora di iniziare la mia attività  politica durante la prossima campagna elettorale per le politiche di  autunno e per le presidenziali del prossimo anno".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nlevis

    22 Marzo 2011 - 19:07

    i tempi biblici per i risarcimenti ci fanno ben sperare. Fatta la legge gabbatu lu santu; speriamo che questa volta il vecchio adagio funzioni alla grande.

    Report

    Rispondi

  • Paulbourne

    22 Marzo 2011 - 14:02

    Ricordi quanto organizzavi i massacri nelle città Israeliane ? Quando ballavi di gioia per i civili dilianati dalle bombe che tu davi ai tuoi maiali martiri della tua follia ? Forse nelle manui ti è andata bene degli agenti americani . Hai fatto la vittima e ti hanno creduto. Hai tradito i tuoi stessi simili e hai avuto appoggi . Ora tocca a noi. Noi non dimentichiamo mai niente . Ricordiamo tutto quello che hai fatto. Tu sei un criminale , Hassan Mustafa Osama Nasr ed è giusto che paghi per i tuoi crimini. E' solo questione di tempo e di tempo ne abbiamom tanto . Tu no. Non ne hai più. Ricordati quanti ne hai ammazzati in Israele. Il mtuo amico Spataro non lo sa. Noi sì. ormai sei un maiale senza ali. Ti osserviamo tutti i giorni. Tranquillo ci incontreremo. E l'augurio più sincero ad una maiale fondamentalista islamico come te è che tu muoia come quelli che hai fatto uccidere in Israele.

    Report

    Rispondi

  • Paulbourne

    22 Marzo 2011 - 14:02

    Molti imbecilli non possono sapere certe informazioni. Hassan Mustafa Osama Nasr era il capo di cellule terroristiche che operavano in Israele , uccidendo civili nei ristoranti e altri locali pubblici. Naturalmente all'epoca non si nascondeva dietro il barbone. Oggi difesodal suo amico Spataro fa la vittima espera di rubare soldi agli italiani col fantomatico risarcimento che ha richiesto. Terroristi come lui diventati amici dei funzionari della Digos di Milano , i quali si sono permessi di intercettare i telefoni di bravi agenti della sicurezza dello Stato e addirittura di indagare l'operato di altri agenti stranieri che tutti i giorni rischiano la vita per catturare i maiali fondametalisti islamici , il falso pretone doveva essere eliminato quando lo portarono in un carcere in egitto in quanto criminale di guerra nei confronti dello Stato di Israele. Ma invece alla Pprocura di Milano gli hanno steso il tappeto rosso e l'hanno tutelato. E i bambini e le donne che lui ha ucciso?

    Report

    Rispondi

  • rogigoi

    02 Gennaio 2011 - 22:10

    stai attento che fra poco più di vent'anni vi troverete a s***are le "vergini". Siete già "partiti": di testa.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog