Cerca

Gli oranghi di Greenpeace contro Nestlè

Blitz durante l'assemblea generale: "Stop all'olio di palma proveniente dalla distruzione delle foreste"

Gli oranghi di Greenpeace contro Nestlè
Travestiti da oranghi, trenta attivisti di Greenpeace, hanno fatto irruzione all'assemblea generale di Nestlè a Losanna. Striscione alla mano, il gruppo si è introdotto nella sede della multinazionale, chiedendo di "dare un break anche alle foreste" e smettere di basare il profitto sull'abbattimento degli alberi e il cambiamento climatico.

In particolare i dirigenti d'azienda sono stati sollecitati a "non utilizzare olio di palma proveniente dalla distruzione delle ultime foreste torbiere indonesiane mentre Pat Venditti, direttore della campagna Foreste di Greenpeace International, è salito sul palco e, preso il microfono, ha chiesto a Nestlè di escludere dall'intera filiera produttiva l'olio di palma del campione della deforestazione Sinar Mas".

Chiara Campione, responsabile della campagna foreste di Greenpeace Italia, ha poi spiegato: "Chiediamo adesso e oggi a Nestlè di cambiare le proprie "KitKatstrofiche" politiche di acquisto. Procurandosi olio di palma e carta proveniente dalla deforestazione, Nestlè è causa di disastri ambientali come il cambiamento climatico e l'estinzione degli ultimi oranghi. Allo stesso tempo continua a perdere credibilità, non prendendo nessuna misura concreta nonostante le denuncie di Greenpeace e le richieste di centinaia di migliaia di consumatori. Per questo chiediamo all'intera assemblea degli azionisti di garantire che i prodotti Nestlè non siano contaminati da prodotti della Sinar Mas".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • franziscus

    16 Aprile 2010 - 12:12

    Peccato se dovessero estinguersi gli oranghi, ma per fortuna resterebbero quelli di green picio. L' olio di palma si produce a partire dai frutti e dai semi ivi contenuti, perchè si dovrebbero distruggere le piante dunque ?

    Report

    Rispondi

blog