Cerca

In Germania i baby criminali sono condannati alla lettura

Una pena innovativa stabilita dal giudice Christoph Mangelsdorf

In Germania i baby criminali sono condannati alla lettura
Una pena esemplare. Un'idea singolare del giudice Christoph Mangelsdorf del Land tedesco dell'Assia: costringere i baby criminali alla lettura.
Il magistrato, che ha a che fare con giovani teppistelli per risse in discoteca o fermati in stato di ebrezza, ha optato per questa nuova pena anziché mandarli a pulire giardini o lavorare in canile. In questo modo, sostiene l'uomo, "i giovani possono guarire".

I romanzi. I volumi scelti dal giudice non sono dei mattoni  ma romanzi per ragazzi, compresi quelli che narrano di un legame tra i giovani e la criminalità. Lo scopo è quello di farli migliorare e coinvolgerli. Si vuole aiutarli a riflettere su quello che hanno fatto, ma anche stimolare la loro fantasia e inviogliarli alla lettura.
Fino ad ora, i baby teppistelli che hanno accettato la pena proposta dal giudice sono una quindicina, tutti tra i 15 e i 17 anni. I ragazzi hanno dovuto scegliere un titolo tra uno dei quattordici  selezionati per loro dal tribunale e dagli assistenti sociali. 
Tra le proposte troviamo ad esempio: "Vinterviken", "Cercando Alaska" e "La fabbrica del male".

Come funziona la pena. I ragazzi hanno dalle quattro alle sei settimane di tempo per leggere il volume. In seguito devono scrivere un tema e rispondere ad alcune domande.  Segue un colloquio con un esperto che stabilirà se la pena è stata sufficiente oppure no.
I primi bilanci sembrano positivi. Infatti la pena, per alcuni di loro, ha funzionato: qualcuno si è appassionato alla lettura e in molti hanno presentato un tema più lungo del previsto. Uno, addirittura vorrebbe scrivere un libro. Il giudice non può che ritenersi soddisfatto per la sua iniziativa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog