Cerca

Steve Jobs trova un fegato nuovo

Il papà Apple è stato operato. Donatore, un ventenne del Tennessee

Steve Jobs trova un fegato nuovo
Un'impresa impossibile per un normale cittadino. Ha sborsato cifre da capogiro girando in lungo e in largo per gli Stati Uniti alla ricerca di un fegato. E alla fine l'ha trovato in Tennessee. Steve Jobs, il fondatore della Apple, ha iniziato la sua corsa contro il tempo per la ricerca di un fegato nuovo nel 2009. L'uomo è stato colpito da un tumore maligno al pancreas e i medici hanno detto che se non si fosse sottoposto a un trapianto sarebbe morto.

Le liste d'attesa per il trapianto erano lunghissime. Ma trovare un fegato nuovo non è stato facile. Come Jobs altri 3400 californiani erano in lista d'attesa per un trapianto. Di questi solo 671 sono riusciti ad avere un fegato nuovo e 400 sono morti. Il fondatore della Apple, non intravedendo alcuna possibilità, ha iniziato mission impossible per un qualsiasi cittadino americano: ha preso il suo jet privato e ha iniziato a girare per gli ospedali degli Stati Uniti per iscriversi a più liste d'attesa possibili. In America, grazie alla pratica del multiple-listing, i malati molto abbienti possono aumentare le chance essere trapiantati.

Ecco che arriva il miracolo. Così Jobs in ogni ospedale in cui si è recato ha eseguito tutti gli esami che certificassero che effettivamente necessitasse di un trapianto, spendendo cifre assurde, dato che l'assicurazione medica copre una sola immatricolazione in un solo ospedale.
Dopo tanto girovagare, finalmente, il miracolo è avvenuto. All'inizio di marzo il Methodist University Hospital di Memphis in Tennessee, uno degli ospedali in cui il fondatore della Apple era in lista d'attesa, ha contattato Jobs informandolo di avere un fegato per lui. Il donatore è un ragazzo di vent'anni, deceduto in un incidente stradale.

È stata la rivista americana Forbes, a pubblicare i dettagli della vicenda di papà Apple.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pino70

    08 Giugno 2010 - 14:02

    Steve Jobs che spende milioni di dollari su e giu' per gli States e si salva la vita in barba a tanti poveracci che non hanno la sua disponibilità economica. Dall'altro lato abbiamo decine di "schiavi" lavoratori alla Foxconn in quel di Shenzen, dove si producono gli iphone e i vari giocattoli apple, che muoiono a causa dell'agente chimico n-exano utilizzato per lucidare gli schermi dei nostri giocattoli, che protestano, che si suicidano a decine. Ecco la storia del sorriso di Jobs che presenta il suo giocattolo: decine di sorrisi sacrificati per il suo...

    Report

    Rispondi

blog