Cerca

Attacco in Messico, rintracciato l'italiano disperso

David Casinori faceva parte della "carovana della pace" assalita da 45 persone uomini incappucciati e armati

Attacco in Messico, rintracciato l'italiano disperso
È stato rintracciato l'italiano disperso ieri in Messico dopo un attacco armato a un convoglio umanitario. David Casinori è libero e sta bene. Ha contattato personalemente il funzionario dell'ambasciata italiana che si era recato sul posto della scomparsa per avere notizie.

Il 27 aprile la delegazione internazionale in visita presso la comunità indigena di San Juan Copala, nello stato meridionale di Oaxaca è stata attaccata da un gruppo di circa 20 uomini armati, che hanno ucciso due persone e ne hanno ferite 22. Le vittime sono Tyri Antero Jaakkola, un finlandese di 25 anni giunto tre mesi prima a Oaxaca, e la messicana Alberta Carino, 35, della ong latinoamericana 'Cactus'. Si parla però di altre tre persone decedute. Gli aggressori, ancora non identificati, si sono serviti di mitragliatrici e bombe a mano. Hanno bloccato la strada con un camion e poi hanno aperto il fuoco da più punti usando anche un lanciagranate e un fucile con proiettili in grado di perforare le blindature.

Gabriel Bagundo, esponente dell’ong “Liga Mexicana por la defensa de los derechos humanos”, che aveva organizzato la manifestazione in difesa dei diritti degli indiani Triqui, ha spiegato che tra gli attivisti “vi sono persone provenienti da Finlandia, Belgio, Italia e Germania” e ha aggiunto che non è chiaro ancora quanti siano gli operatori coinvolti, perché "il gruppo è stato rapito". Secondo un’altra organizzazione, "Voces Oaxaquenas construyendo Autonomia y Libertad", almeno la componente finlandese del gruppo sarebbe rimasta uccisa. Ma ancora l’Unità di Crisi della Farnesina e l’ambasciata d’Italia a Città del Messico stanno verificando con le autorità messicano l’attendibilità della notizia.

Il sito web del quotidiano "'La Jornada" cita come responsabili i membri dell’Union de Bienestar Social de la Region Triqui (Ubisort) legata al Partido Revoluzionario Institutional (Pri). Gli osservatori erano diretti verso la cittadina di San Juan Copala nella regione di Mixteca.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog