Cerca

Grecia in fiamme. Tre morti e 20 feriti

La manifestazione contro il piano di austerity del governo si trasforma in guerriglia urbana. Una molotov contro una banca uccide due donne e un uomo/ Guarda il video e la fotogallery

Grecia in fiamme. Tre morti e 20 feriti
Dall'alta finanza alla guerriglia urbana. E ora, ad Atene, si contano ben tre morti. La manifestazione contro il piano di austerity del governo greco per ottenere gli aiuti di Unione europea e Fmi si è trasformata in guerra civile. E drammaticamente, ora, a bilancio ci sono 3 morti e 20 feriti. Una molotov lanciata da dei giovani incappucciati contro un istituto bancario - una filiale della banca Marfin - nella zona vicina al Parlamento ha causato un incendio. Nel rogo della banca hanno perso la vita almeno tre persone, un uomo e due donne. Di queste, una era incinta.


Dure le parole di condanna del premier greco, George Papandreou, dopo gli scontri che hanno messo a ferro e fuoco la capitale greca. «Si tratta di azioni omicide», ha detto il presidente del consiglio.

La manifestazione era cominciata in maniera solo apparentemente tranquilla, ma la tensione era nell'aria. Ad Atene, almeno 20mila persone sono scese in piazza per manifestare contro le misure di austerità che dovranno essere votate domani dal Parlamento greco. Il piano, se approvato, porterà nella casse dello stato 110miliardi di euro. Ma sono molte anche le persone che stanno protestando a Salonicco.

Quasi subito sono iniziati gli scontri tra polizia e manifestanti (guarda la foto gallery). Nella capitale greca, per esempio, c'è stato il tentativo di una cinquantina di persone di forzare il cordone di sicurezza attorno al Parlamento. Gli agenti, così, hanno reagito con il lancio di granate stordenti e gas lacrimogeni. Non molto diversa è la situazione a Salonicco: i poliziotti hanno usato i gas lacrimogeni per fermare una sassaiola contro le vetrine dei negozi.

Le manifestazioni hanno preso il via poco prima di mezzogiorno, proprio mentre la Grecia è paralizzata dallo sciopero generale del settore pubblico, il terzo dall’inizio della crisi. I sindacati chiedono che il piano di rigore venga bocciato e che siano puniti i responsabili dell’esplosione del debito pubblico ellenico. In Grecia sono chiusi uffici pubblici, ospedali, banche e negozi. I trasporti aerei, marittimi e ferroviari sono bloccati con alcune eccezioni per Atene in modo da garantire la partecipazione alle proteste.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • COCCINELLA

    06 Maggio 2010 - 10:10

    CHE DOLORE X QUEI MORTI... CERTO CAPISCO ANCHE CHI NON VUOLE PAGARE AL POSTO DEI LADRONI CHE HANNO MANDATO IN BANCAROTTA UNA NAZIONE è ORA DI FINIRLA CON LA CORRUZIONE.....NON SERVIRA' A MOLTO,MA DOVREBBERO ESPROPRIATE TUTTI I BENI DEI POLITICI PER PRIMA COSA E POI CHIEDERE IL SACRIFICIO ALLA GENTE.

    Report

    Rispondi

  • alan vilbren

    05 Maggio 2010 - 22:10

    Michalis Kaltezas, 15 anni. Alexandros Grigoropoulos, 15 anni. Lambros Fountas, 35 anni. Sono tre anarchici uccisi dalla polizia greca. Questo lo chiami fair play? Se vivessi in Grecia, la capiresti, anzi, la sentiresti dentro, la rabbia della gente. Affamata. Ridotta in schiavitù. E ammazzata da un gruppo di ladri, che ora le presenta il conto. Li paghi chi ha rubato, i debiti! E ora pure questi tre ... che dico? ... questi quattro morti! Hanno anche questi sulla coscienza! Maledetti assassini! Ma che ci parlo a fare con te? E' chiaro che tu mangi tre volte al giorno. E' chiaro che vedi solo quel che vuoi vedere. E' chiaro che la gente come te non capirà mai. Finché non si troverà dall'altra parte della barricata. Cosa che succederà presto. Molto presto.

    Report

    Rispondi

  • marteod

    05 Maggio 2010 - 20:08

    ..... una donna incinta... Spero che ora la polizia si decida a menare sul serio. Basta fair play

    Report

    Rispondi

  • alan vilbren

    05 Maggio 2010 - 19:07

    Gli anarchici non hanno mai sparato nel mucchio. A chi servono i tre morti di Atene? Non ci vuole molto a capirlo. A chi ha preparato la messa in scena.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog