Cerca

Aggredito Lars Vilks autore delle vignette scandalo su Maometto

Stava tenendo una conferenza all'Università di Upssala

Aggredito Lars Vilks autore delle vignette scandalo su Maometto
Tre anni fa ha pubblicato vignette blasfeme raffiguranti Maometto con il corpo di un cane. E anche questa volta il disegnatore non si è risparmiato. Lars Vilks, stava tenendo una conferenza sulla libertà di espressione, presso l'Università di Upssala, quando è stato aggredito.

Poco prima di questa vicenda, il disegnatore svedese stava mostrando ai presenti un film provocatorio di una coppia di uomini nudi con delle maschere di Maometto mentre stavano avendo dei rapporti sessuali. Fin da subito il pubblico ha protestato alzando la voce. Poi all'imporvviso un ragazzo si alza, corre verso l'artista e lo ha colpito dandogli una testata in faccia. Il disegnatore è finito contro una parete. Nella confusione altre persone si sono scaraventate sull'uomo. Nel marasma è rimasto colpito un poliziotto della scorta. Due persone sono state successivamente fermate.



Da alcuni anni il vignettista riceve minacce di morte e per questo è sotto protezione della polizia. Lo scorso marzo un'attivista americana, che si è fatta chiamare JihadJanè, è stata incriminata per avere complottato contro di lui e per aver anche cercato di reclutare su Internet sicari per eliminarlo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sorciverdi

    12 Maggio 2010 - 22:10

    Si, signore e signori, Vilks ha esagerato, ma questa non è una buona ragione per pestarlo. Mi sembra urina fuori dal vaso anche il tirare in ballo Ratzinger perché questo già avviene quotidianamente e non mi pare proprio che ci sia stato alcun "cattolico" che sia passato a vie di fatto in difesa dell'onorabilità del Papa. In ogno caso forse vi sfugge una sostanziale differenza e cioé che nessuno ha mai menato tutti quelli che hanno fatto vignette su Benedetto XVI e sulla Chiesa, mentre Lars Vilks deve vivere sotto scorta così come Salman Rushdie e non pochi altri, per cui ditemi voi da che parte sta l'intolleranza. Concludendo ribadisco che le aspre critiche di alcuni di voi al Papa ed alla Religione Cattolica hanno ben poco a ché fare con la testata a Lars Vilks; credo piuttosto che siano il frutto di posizioni di laicismo fanatico oltre che poco obiettivo e poco informato. Avete detto la vostra e quindi mi sono sentito in diritto di dire la mia perciò non vogliatemene.

    Report

    Rispondi

  • pasc

    12 Maggio 2010 - 19:07

    Io me ne fregherei, non sono difensore del papa, non sono credente e per me le religioni sono tutte solo ignoranza e supestizione, in particolare le tre maledette monoteistiche che arrivano dalla Palestina, focolaio di molti mali; rimane il fatto che Maometto aveva una moglie di nove anni e quindi per il modo di pensare occidentale era un pedofilo; che il vignettista sia un provocatore è evidente ma altrettanto è evidente che l'aggressione fosse premeditata; cosa ci facevano li tutti sti mussulmani ! Il fatto è che, come disse mi pare Bourghiba anni fa, essendo sempre stati sconfitti con le armi ci vogliono vigliaccamente invadere "con il ventre delle loro scr...donne" e noi li accogliamo e paghiamo le spese sanitarie, da veri masochisti, grazie a tutti i sinistrati, i pretacci, e buonisti vari; oltre tutto vengono in casa nostra e pretendono di imporre i loro troglodici usi e costumi,avati così e ci imporranno di genufletterci verso la mecca !

    Report

    Rispondi

  • ferrarigiuliano

    12 Maggio 2010 - 17:05

    imbecille fanatico, dovrà, magari chiedere anche scusa. E' possibile che questi idioti la passino sempre tranquillamente dopo un'azione del genere!! Tante scuse Allah e Macometto sono grandi e ottimi avvocati. Europa giù le braghe passa l'islam!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • S.Winston

    12 Maggio 2010 - 16:04

    Aspetto lo spettacolo di commenti degli anti-mussulmani con la bava alla bocca del partito DELL'AMMMMMMORE!ahahahahah che gente limitata, mamma mia!L'episodio è da condannare, nulla da dire, la violenza ha SEMPRE torto.....certo che se te la vai a cercare........sarebbe come un laziale in curva della roma che si lamenta che viene accoltellato.......la lezione era sulla libertà di espressione?sacrosanta, ma la tua libertà finisce dove inizia la mia quindi porta rispetto....vai, sotto con i commenti illuminati!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog