Cerca

L'Argentina rivuole le Falkland

Dopo la risoluzione Onu del '65 mai applicata, la premier sudamericana scrive a Cameron

L'Argentina rivuole le Falkland

L'Argentina punta le Falkland. Questa volta, però, non sotto l'impulso della dittatura militare di Leopoldo Galtieri e Roberto Eduardo Viola, ma per preciso interesse del nuovo premier argentino Cristina Fernandez Kirchner, la quale ha scritto al nuovo collega inglese David Cameron per capire se ci fossero le basi per dar seguito alla risoluzione Onu del 1965.
Infatti è da allora che le Isole Falkland dovrebbero sventolare bandiera argentina, ma i tragici avvenimenti accaduti nel 1982 con l'invasione dell'isola inglese da parte dei militari di Galtieri e Viola hanno di fatto reso quella risoluzione "carta morta".
"Non si può addossare all’Argentina di oggi quel che è successo sotto le dittature militari", ha scritto Cristina Fernandez Kirchner nella sua lettera spedita al numero 10 di Downing Street, ribadendo il concetto al vertice tra Unione Europea e America Latina in corso a Madrid.
"Il governo locale ha il diritto di sviluppare un’industria petrolifera nelle proprie acque e non esiste alcun dubbio sulla nostra sovranità riguardo alle Falkland e alle zone marittime circostanti".
Insomma interessi economici, gli stessi che hanno convinto nel corso degli ultimi anni gli inglesi a tenersi strette le isole, attivando anche delle prospezioni petrolifere nelle acque dell’arcipelago.
Ed è stata proprio esplicito interesse petrolifero degli inglesi a spingere il nuovo governo di Buenos Aires a riaprire il contenzioso, trovando l'appoggio di diversi Paesi dell’America Latina e dei Caraibi. In prima fila anche Hillary Clinton, la quale lo scorso mese di marzo aveva offerto la mediazione statunitense per risolvere il conflitto relativo alla sovranità dell’arcipelago.
Da allora, però, tutto tace; almeno fino a oggi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • claudioF

    19 Maggio 2010 - 18:06

    Il 70% degli abitanti delle Isole Falkland è di origine anglosassone. Rievocando lo spirito wilsoniano del primo dopoguerra ed il principio di autodeterminazione dei popoli a mio avviso gli "islanders" dovrebbero decidere con un referendum se staccarsi dal Regno Unito e costituire uno Stato autonomo, rimanere inglesi oppure passare all'Argentina; quest'ultima ipotesi, considerando la demografia delle isole, la reputo poco attendibile.

    Report

    Rispondi

  • dellelmodiscipio

    19 Maggio 2010 - 03:03

    La fine dell'ormai putrido colonialismo inglese sarà l'Afganistan. Non che dopo verrà il regno dei cieli, la lotta fra il giusto e l'ingiusto non avrà mai fine, ma il colonialismo anglosassone sarà morto e duro, un pezzo da museo come le cannoniere britanniche di Portsmouth. E curiosamente anche la graziosa premier argentina dovrà tributare qualche merito ai talebani e ai burka per aver riavuto le Falkland.

    Report

    Rispondi

  • dubhe2003

    18 Maggio 2010 - 23:11

    Domandare è lecito ma...Cristina bella sogna so!!

    Report

    Rispondi

blog