Cerca

Giudice Usa ordina espulsione di ex nazista

Tornerà in Austria. Era stato privato dal 2006 della cittadinanza americana

Giudice Usa ordina espulsione di ex nazista
Sarà rispedito a casa, in Austria, Anton Geiser ex guardiano  del lager nazista di Sachsenhausen. La decisione è stata presa da un giudice federale americano. A darne notizia è il quotidiano israeliano Haaretz.

Geiser, che ha 85 anni e vive in Pennsylvania, era stato già privato della nazionalità americana quattro anni fa, nel 2006. L'uomo è nato in Croazia ma è emigrato negli Stati Uniti dall’Austria nel lontano 1956. Proprio per questa ragione è stata ordinata l'espulsione verso questo paese europeo.

L'ex guardiano, che potrà ricorrere in appello per non essere espulso dal paese, è accusato di essere stato una delle guardie del lager costruito nelle vicinanze di Berlino. Il suo incarico era quello di sparare contro chi cercava di fuggire.

Il suo caso ricorda la vicenda di John Demjanjuk, di origine ucraina, espulso verso la Germania dopo essere stato privato, anche lui, della nazionalità americana. Demjanjuk ha 90 anni e attualmente è sotto processo a Monaco con l’accusa di essere stato un ausiliario delle SS nel lager di Sobibor.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Schwefelwolf

    20 Dicembre 2011 - 18:06

    Sembra proprio che l'unico reato rigorosamente escluso da ogni forma di prescrizione sia quello di aver prestato servizio nelle SS o in un campo di concentramento nazionalsocialista. I vari "addetti" di Guantanamo & Co. non avranno invece problemi di prescrizione: fare le stesse cose, ma nel nome della democrazia (americana) non è, evidentemente, reato. Vae victis...

    Report

    Rispondi

blog