Cerca

Uccide il marito virtuale

Giapponese in arresto

Uccide il marito virtuale
Ha ucciso, e per questo è stata arrestata. Fa niente se il cadavere è un avatar, un uomino virtuale, insomma. Lei l'ha fatto sparire da un gioco interattivo e ora deve pagare. La storia, che sa di fantascienza, è accaduta nella patria dei fumetti, il Giappone. Protagonista, una maestra di piano di 43 anni, che è stata portata via da casa sua in manette e messa in una cella a Sapporo City. Agli agenti che le chiedevano spiegazione del suo insano gesto, la giapponese ha spiegato: "Ero arrabbiata perché lui era mio marito, e mi aveva chiesto il divorzio. Non ho retto alla separazione, e così l'ho eliminato". L'omicidio è stato consumato nel gioco Maple Story; l'arma del delitto, un accesso illegale in un computer, e la manipolazione dei dati.
Il delitto è stato scoperto perché il proprietario dell'avatar, un impiegato 33enne, ha sporto denuncia, non trovandolo più. Giocava con lui ogni giorno da un anno, quando lo un giorno si è accorto che era morto. Dispiaciuto per la perdita, s'è rivolto alla polizia giapponese che ha indagato, arrivando così all'assassina. Virtuale, certo, ma resta un dettaglio, nella Patria dei fumetti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog