Cerca

Colombia, da Miss a Reginetta della droga

La donna era in fuga da dicembre. Aveva messo in piedi una rete di corrieri di belle ragazze

Colombia, da Miss a Reginetta della droga
Dopo cinque mesi di latitanza, lady coca è finita nella rete. Angie Sanclemente Valencia, 30 anni, colombiana mozzafiato ed ex modella di biancheria intima, è stata arrestata ieri dalla polizia di Buenos Aires. L’accusa è tanto pesante quanto sorprendente: sarebbe proprio lei la leader di un immenso network di narcotraffico che utilizza bellissime modelle per spacciare cocaina dal Sudamerica all’Europa, attraverso il Messico.

Secondo quanto emerso finora, l’avvenente colombiana avrebbe rubato il mestiere a un suo ex fidanzato, un narcotrafficante messicano conosciuto come "Il Mostro". Una coppia scoppiata quasi subito. La giovane Angie, infatti, ha scaricato il fidanzato due anni fa, dopo avere deciso di percorrere da sola la passerella verso la leadership del narcotraffico. E così è stato: ha creato una gang tutta sua e ha fissato la sua base operativa in un hotel a quattro stelle del quartiere Palermo di Buenos Aires.

Per i quotidiani argentini è ormai da tempo la "Regina dei narcos", anche se il suo ruolo specifico, secondo alcuni inquirenti coinvolti nell’inchiesta, sarebbe ancora tutto da confermare. Di certo c'è che «quando è stato organizzato il traffico di cocaina in Messico, lei ha sicuramente partecipato agli incontri», ha detto una fonte.

Gli angeli di Angie sarebbero stati scelti dalla lady coca per la loro bellezza acqua e sapone: belle al punto da farsi notare senza destare sospetti. Ogni spedizione avrebbe fruttato alle modelle un gettone da oltre 5mila dollari. L'inchiesta è partita dall’arresto, di qualche mese fa di una 21enne, fermata all’aeroporto di Buenos Aires con 55 Kg di cocaina. Dopo un’intensa attività investigativa, è emerso il suo nome.

Angie Sanclemente Valencia si è sempre proclama innocente e ha anche insitito sulla sua estraneità ai fatti contestati addirittura con un messaggio su Facebook. Nel frattempo si era data alla fuga. «Non è una trafficante, non è la regina della cocaina. C'è un complotto contro di lei», ha protestato oggi la madre dell'ex modella, Jeannette Valencia.

Intanto le autorità giudiziarie hanno respinto la richiesta di un trattamento di riguardo per Angie, avanzata dal suo avvocato difensore, Guillermo Tiscornia. "Teme che possa essere violentata in carcere, che il suo viso possa essere deturpato", ha confermato la madre. Nulla da fare, per la 'Regina della cocà non ci sarà alcun occhio di riguardo. La sua ultima passerella la porta dritta in cella.

Nel 2000, a 21 anni, aveva vinto il concorso di Reginetta del Caffè, uno dei più prestigiosi concorsi di bellezza in Colombia, ma era stata poi squalificata perché si era scoperto che, contravvenendo alle regole, aveva nascosto di essere sposata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • S.Winston

    27 Maggio 2010 - 15:03

    Certo è che mi sarebbe piaciuto assistere alla perquisizione eheheheheh

    Report

    Rispondi

  • roberto19

    roberto19

    27 Maggio 2010 - 15:03

    per me è innocente anche se colpevole!

    Report

    Rispondi

  • cappuccettorosso

    27 Maggio 2010 - 14:02

    ma dove la nascondeva tutta quella coca??

    Report

    Rispondi

  • S.Winston

    27 Maggio 2010 - 10:10

    Bella e "pericolosa"!!!!mmmmmmmmmmmmm..............

    Report

    Rispondi

blog