Cerca

Nucleare, raggiunto l'accordo: "Nessuno avrà l'atomica"

Dopo un mese di lavori i 189 Paesi membri hanno approvato un documento per il disarmo globale

Nucleare, raggiunto l'accordo: "Nessuno avrà l'atomica"
L'Onu è ormai pronta al disarmo globale. Dopo un mese di lavori, i 189 Paesi membri hanno approvato ieri a New York un documento di 28 pagine per la revisione del Trattato di non Proliferazione nucleare.  Stati Uniti, Russia, Gran Bretagna, Francia e Cina, le cinque potenze nucleari riconosciute si impegnano ad accelerare la riduzione degli arsenali, a diminuire l’importanza strategica delle armi nucleari e a presentare un rapporto sui progressi di tali iniziative nel 2014. Viene indetta poi per il 2012 una Conferenza Internazionale "per la denuclearizzazione del Medio Oriente" e l’eliminazione dalla regione di altre armi di distruzione di massa. Il documento auspica in particolare che Israele aderisca al Trattato mettendo le sue testate nucleari sotto il controllo dell’Aiea, l’Agenzia internazionale per l’energia atomica.

Cinque anni fa la conferenza si era conclusa senza alcun nuovo piano di azione: le tre Commissioni di lavoro infatti rimasero bloccate dai veti incrociati di numerosi Paesi membri.

Immediata la reazione di Israele
che denuncia "l'ipocrisia" dell’accordo di revisione, che menziona lo Stato ebraico in relazione a una conferenza internazionale sul disarmo in Medio Oriente, "mentre si passano sotto silenzio altri Paesi come India, Pakistan o Corea del Nord, che dispongono di armi nucleari, e cosa che è più grave, come l’Iran che cerca di acquisirne". Lo Stato ebraico non ha mai confermato né smentito di possedere un deterrente nucleare ma l'Aiea ha sempre affermato di volersi comportare sulla base dell’effettiva esistenza delle testate atomiche israeliane (almeno un centinaio, secondo gli esperti).

Anche il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, pur accogliendo con soddisfazione l’accordo raggiunto, definito "equilibrato e realista", ha sottolineato il proprio "forte" disaccordo per il fatto che Israele sia l’unico Paese menzionato nella sezione dedicata alla denuclearizzazione.

Il Trattato è un accordo basato su uno scambio: le nazioni non nucleari si impegnano a non sviluppare armi atomiche, quelle nucleari a disfarsene. Inoltre, esiste la garanzia per ogni Paese di potersi dotare di tecnologia nucleare per scopi pacifici. Una clausola, quest’ultima, che all’epoca sembrò innocua, dato che passare da un uso civile dell’energia atomica a uno bellico era assai difficile, ma che oggi invece pone dei problemi, soprattutto con tecnologie quali l'arricchimento dell’uranio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gian65

    03 Giugno 2010 - 03:03

    molto bene. cosi ora gli americani si possono portare a casa loro le 95 testate nucleari che hanno installato nell'aereoporto di GHEDI e ad AVIANO negli anni ormai lontano.!!!! cosa ci fanno ancora testate nucleari in italia e contro chi solo gli americani ed i loro alleati compreso la russa lo sanno. ognuno a casa propria che sarebbe ora.

    Report

    Rispondi

  • franziscus

    31 Maggio 2010 - 19:07

    hanno stabilto che nessuno avrà la bomba atomica ! quando stabiliranno che non ci si ammalerà più e nessuno morirà mai ? quando stabiliranno che non vi saranno più incidenti sul lavoro o sulle strade ? babbei che non siete altro, avete lavorato un mese per partorire questa cagata ? dipendesse da me vi manderei a lavorare nelle miniere di sale per il resto della vostra inutile vita.

    Report

    Rispondi

  • idleproc

    29 Maggio 2010 - 21:09

    Della serie: come ti disarmo l'unica democrazia compiuta del medio oriente. Se ne riparlerà quando in tutto il mondo ci saranno solo democrazie.

    Report

    Rispondi

blog