Cerca

Pyongyang si difende: "Non abbiamo il sommergibile incriminato"

La Commissione nazionale di difesa della Corea del nord sottolinea che è stato il sud a organizzare l'affondamento della sua unità navale

Pyongyang si difende: "Non abbiamo il sommergibile incriminato"
Al via il vertice - Si aprirà oggi a Jeju, località sudcoreana, il vertice trilaterale tra Corea del Sud, Cina e Giappone originariamente dedicato a questioni economiche ma che avrà in agenda anche la crisi provocata dall’affondamento avvenuto los corso 26 marzo della corvetta sudcoreana Cheonan. Già nei giorni scorsi una commissione internazionale aveva attribuito la responsabilità del disastro, che ha provocato la morte di 46 marinai, alla Corea del Nord. Ma Pyongyang ha respinto ogni accusa, minacciando anche rappresaglie in caso di eventuali sanzioni.

Appoggi per Seoul - La Corea del Nord è stata condannata dalla maggior parte della comunità internazionale. Anche Pechino, tradizionale alleato del regime di Kim Jong-il, ha affermato di non voler proteggere i responsabili dell’affondamento.

La difesa del Nord - La Corea del Nord si difende dall’accusa di aver affondato la nave da guerra sudcoreana sostenendo di non possedere il mini-sottomarino che sarebbe stato usato nell’attacco. Secondo i media locali, la Commissione nazionale di Difesa, NDC, presieduta dal leader del regime Kim Jong-il, ha tenuto una conferenza stampa venerdì a Pyongyang. Il generale Pak Rim Su, capo del Dipartimento politico della NDC, ha assicurato che Pyongyang non possiede il sommergibile da 130 tonnellate "Salmon-class", che secondo Seul avrebbe sparato il siluro che affondò la corvetta Cheonan, nelle acque contese del Mar Giallo. «Non abbiamo niente di simile a un sommergibile Salmon-class - ha dichiarato il generale - Non ha alcun senso da un punto di vista militare che un sommergibile da 130 tonnellate trasporti un siluro pesante 1,7 tonnellate in alto mare verso il Sud, affondi la nave e poi torni indietro». Il generale ha anche respinto l'accusa di Seul, secondo cui sarebbero stati ritrovati frammenti del siluro che corrispondono perfettamente ai dettagli tecnici sul siluro stesso, illustrati in in opuscoli nordcoreani mandati da Pyongyang ad un potenziale acquirente di siluri nordcoreani.

L'accusa di Pyongyang - La Corea del Sud avrebbe organizzato l'affondamento di una delle proprie unità navali: l’accusa viene dalla
Commissione nazionale di Difesa della Corea del Nord, che avverte come la penisola sia vicina ad una situazione di guerra. Anche nei giorni scorsi Pyongyang ha più volte accusato Seoul di aver falsificato le prove del coinvolgimento nordcoreano nell’affondamento della corvetta, ma questa è la prima volta che interviene direttamente la Commissione, considerata l’organizzazione statale più potente del Paese.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fonty

    fonty

    29 Maggio 2010 - 13:01

    Mi sembra la favola del lupo che dava la colpa all'agnello che beveva più a valle di sporcargli l'acqua , in modo da creare l'occasione per mangiarselo.

    Report

    Rispondi

  • claudioF

    29 Maggio 2010 - 12:12

    La Corea del Nord non ha gli attributi neanche per assumersi le proprie responsabilità. Prima uccidono e dopo si nascondono. Un vero Stato-canaglia!!

    Report

    Rispondi

blog