Cerca

Marea Nera. Toppa la "top Kill". Ora si profila un nuovo piano

Si proverà ad incappucciare il tubo danneggiato e installare una condotta nuova

Marea Nera. Toppa la "top Kill". Ora si profila un nuovo piano
L'umore è nero, nerissimo. Così come quella chiazza di petrolio che, secondo Carol Browner (consigliere del presidente Obama per le questioni ambientali), rischia di espandersi ininterrottamente nel Golfo del Messico fino al mese di agosto.
Il "day after" del fallimento della missione "top Kill" è di quelli che non passeranno certo come se nulla fosse. Dopo le prime entusiastiche impressioni sulla buona riuscita del piano, infatti, la BP ha definitivamente abbandonato l'idea di sigillare il pozzo utilizzando liquidi viscosi e colate di cemento. "Non funziona", avrebbero ammesso i vertici della società petrolifera inglese, dopo aver pompato da mercoledì oltre 35 mila barili di fanghi nella condotta danneggiata.
Si profila quindi una nuova soluzione, altrettanto azzardata, e per questo accolta con freddezza dal presidente Barack Obama.

Il nuovo piano risponde al nome di "lower marine riser package" e consisterebbe in due fasi. Il primo passo sarebbe quello di tagliare il tubo danneggiato, isolando così la valvola difettosa con un tappo di decine di tonnellate in grado di bloccare le perdite. In questo passaggio (che dovrebbe essere realizzato tra martedì e mercoledì), la fuorisciuta di petrolio dovrebbe incrementarsi del 20%, avvisa però Il capo delle operazioni di Bp, Doug Suttles.
Incappucciata la valvola, si provvederebbe poi a collegare questo cappuccio con un nuovo tubo, attraverso il quale aspirare il grosso del petrolio e del gas fino alla nave di appoggio in superficie.
Come detto piano azzardato, in virtù del fatto che mai era stato fatto un tentativo del genere a oltre 1500 metri di profondità.

BP SAPEVA -
e intanto non si placa la bufera intorno alla British Petrolium. Il New York Times, infatti, documenta sulle sue pagine come il colosso petrolifero fosse a conoscenza già dale mese di giugno del 2009 delle condizioni non rassicuranti della Deepwater Horizon, la piattaforma off-shore saltata in aria il 20 aprile scorso e da cui è stata provocata quello che ormai viene considerata la peggiore catastrofe ecologica che gli Stati Uniti abbiano mai affrontato.
Dai documenti rinvenuti e pubblicati dal quotidiano nweyorkese, infatti, emerge che già il 22 giugno 2009 gli ingegneri di BP avevano manifestato perplessità sulla tenuta del metallo impiegato per il rivestimento del pozzo, che "sarebbe potuto collassare per la pressione". Ma nonostante il rivestimento non rispondesse agli standard di sicurezza interni alla stessa società, BP ne autorizzò l’uso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Calbvrnvs

    01 Giugno 2010 - 03:03

    Acqua? Ci mancava la fantascienza! Il legame che tiene uniti ossigeno e idrogeno nella molecola dell'acqua (H2O) e' molto forte, talmente forte che l'energia necessaria a scinderlo e' superiore a quella che si otterrebbe bruciando l'idrogeno. E' molto piu' efficiente dal punto di vista energetico estrarre l'idrogeno dal metano (CH4), che e' un idrocarburo che vine estratto come o insieme al petrolio... Infine, l'uso del petrolio non e' solo enegia. Esistono una miriade di derivati del petrolio, provate immaginare di far sparire tutte le cose di plastica o l'asfalto delle strade! Sicuramente si potrebbero utilizzare sositutivi, ma l'impatto economico ed ambientale sarebbe molto maggiore di quello causato dal petrolio.

    Report

    Rispondi

  • Calbvrnvs

    01 Giugno 2010 - 03:03

    11 vite perse e 11 famiglie distrutte, almeno una riga e un momento di silenzio. Il petrolio come fonte energetica e' attualmente insostituibile dato il suo contenuto energetico, il suo basso costo e la sua versatilita'. Questo vale soprattutto nel settore autotrasporti. L'unica fonte altentativa che puo' competere con il petrolio e' il nucleare, ma anche su questa fonte ci sono molti aspetti secondari che non la rendono attraente. L'abbandono del petrolio, o meglio la transizione ad altre fonti energetiche, avverra' molto probabilmente solo per motivi economici quando e se il suo prezzo sara' non piu' competitivo con le altre fonti energetiche. Ossigeno? di fatto tutte le auto vanno ad ossigeno che costituisce il comburente che aggiunto al combustibile (benzina, gas, gasolio, etc.) produce a reazione termica con scoppio associato, da cui motori a scpppio. Purtorppo l'ossigeno da solo non puo' essere utilizzato come un combustibile.

    Report

    Rispondi

  • renatarossi

    31 Maggio 2010 - 23:11

    .....spazzatura spaziale,inquinamento oceanico,smog assassino........giornata antifumo.Mi arrotolo una delle mie dieci sigarettine quotidiane senza sentirmi in colpa,almeno con l'universo.

    Report

    Rispondi

  • claudioF

    31 Maggio 2010 - 18:06

    Questo evento potrebbe far decidere una volta per tutte di abbandonare, o quantomeno limitare l'utilizzo del petrolio. Abbiamo tecnologie sufficientemente evolute per poter utlizzare l'acqua e l'ossigeno come combustibili. In tal modo,oltre a combattere l'inquinamento, metteremo al tappeto tutte l'economie arabe e terroristiche che in questi anni stanno conquistando sempre più poteri ed il mondo occidentale tornerebbe ad essere il più ricco.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog