Cerca

E in Turchia scoppia la violenza al grido di "dannata Israele"

Oggi decine di migliaia di manifestanti sono scesi in piazza in tutto il Paese

E in Turchia scoppia la violenza al grido di "dannata Israele"
Le manifestazioni - Decine di migliaia di manifestanti sono scesi oggi in piazza in tutta la Turchia per protestare contro il raid di Israele alla flottiglia di nave diretta a Gaza, con l'intento di portare aiuti umanitari. A Istanbul circa 10mila persone si sono radunate nella piazza centrale di Taksim bruciando bandiere israeliane, urlando "dannata Israele" e chiedendo l’immediato embargo dei beni. "Occhio per occhio dente per dente. Vendetta, vendetta" hanno gridato i dimostranti. E ancora: "Soldati turchi a Gaza" e "Chiudete l’ambasciata sionista". Tra i manifestanti, che hanno sfilato sotto gli occhi della polizia, anche donne e bambini. Ad Ankara una manifestazione ha circondato la residenza dell’ambasciatore israeliano Gabby Levy urlando ancora slogan e grida di vendetta e lanciando uova e bottoglie di plastica nel giardino della villa. La polizia ha presidiato tutte le rappresentanze diplomatiche israeliane per evitare che la protesta degeneri in azioni di violenza.



Rientra il ministro turco -
Il premier turco Recep Tayyip Erdogan e il Capo di Stato maggiore Ilker Basbug rientrano d’urgenza in Turchia sull'onda delle tensioni scatenate dall’attacco israeliano alla "Freedom Flotilla". Questo almeno fino a quando la situazione non si sarà calmata. Erdogan, che si trovava in Sud America per una visita ufficiale. A dare la notizia è stata la Presidenza del Consiglio e lo Stato Maggiore dell’esercito. Intanto il ministro degli Esteri Ahmet Davutoglu, che si trovava negli Stati Uniti sempre in missione diplomatica ha chiesto di essere convocato urgentemente dal Consiglio di sicurezza dell’Onu.

Liberare i pacifisti -  Il governo turco ha chiesto a Israele di liberare immediatamente gli attivisti feriti nell’assalto, affinché siano curati in patria, e ha chiesto un rapporto esaustivo sull'accaduto. Secondo la stampa turca, e stato questo il contenuto dell’incontro tra l'ambasciatore israeliano in Turchia, Gaby Levi, e il sottosegretario agli Affari Esteri turco, Unal Cevikoz. Mentre Levi era a colloquio, circa 5mila persone hanno iniziato nel centro di Istanbul una marcia di protesta contro Israele. Intanto la polizia ha imposto estreme di sicurezza intorno alle legazioni diplomatiche e agli uffici commerciali israeliani nel Paese.

Annullate le manovre militari con Israele -
Il governo di Ankara ha deciso di annullare tre manovre militari congiunte in programma da tempo con lo stato ebraico. Lo ha dichiarato, come riferisce l'emittente privata Ntv, il vice primo ministro Bulent Arinc. Ma la sospensione delle azioni militari non sono le uniche misure intraprese dal governo turco. Anche le crociere turistiche fra la località marittima di Alanya, sulla costa mediterranea della Turchia, e Israele sono state sospese. Lo hanno reso noto fonti della Capitaneria di porto di Alanya secondo le quali la nave da crociera "Mirage-1" che poco dopo la scorsa mezzanotte era salpata da Isrele diretta ad Alanya con 420 passeggeri israeliani a bordo, è stata dirottata verso l'isola greca di Rodi. Le stesse fonti hanno precisato che le crociere turistiche tra i due Paesi sono state sospese sino a data da destinarsi. Nei primi cinque mesi di quest'anno sono stati 11.541 i turisti israeliani che, con 19 crociere, sono sbarcati nel porto di Alanya. Sulla scia delle polemiche scatenate dall'assalto della Marina israeliana Ankara ha deciso anche di annullare una partita di calcio in programma tra la nazionale Under 18 turca e quella israeliana.


Israele sconsiglia i viaggi in Turchia -  Nel frattempo l'antiterrorismo israeliano (Nscctb) ha diramato un avviso di allerta per sconsigliare ai connazionali di recarsi in Turchia: «In risposta agli eventi sulla flottiglia di protesta, sono in corso in Turchia crescenti proteste da parte del governo e della popolazione. Questa fase delicata è suscettibile di degenerare in scoppi di violenza contro gli israeliani», si legge in una nota.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • AndreF

    03 Giugno 2010 - 19:07

    Meno male che è scoppiato il caso così TUTTI si possono rendere conto che la turchia NON è europea ma ANTI-Europea.L'islam è di per se stesso anti-europeo e illiberale.Ora tutti l'hanno visto!

    Report

    Rispondi

  • dubhe2003

    02 Giugno 2010 - 00:12

    Attenzione che il...cavallo di Troia in Israele non è il benvenuto.E i ns.eroi,che ci facevano a bordo di natanti turchi?Min.Frattini,ponderi bene chi sono quei cari soggetti;se non affidabili,meglio lasciarli dove si trovano ora,di soffiatori sul fuoco,camuffati da...pacifici,ne abbiamo già tanti qui,anelano solo alle provocazioni.

    Report

    Rispondi

  • pippo65

    01 Giugno 2010 - 22:10

    C'è ancora qualcuno che crede di potersi fidare dei turchi? Ricordatevi della fine che hanno fatto fare agli Armeni. Viva Lepanto!

    Report

    Rispondi

  • ercole.bravi

    01 Giugno 2010 - 12:12

    la nave battesse bandiera turca, è un dato di fatto....che la prima del convoglio, avesse a bordo soggetti armati, è una ltro fatto che ormai è stato appurato. Domanda: perchè il comandante della prima nave non è passato dalla dogana come le altre passate indenni? perchè è inutile stare a disquisire sul razzismo, sulla turchia che non è europa (VERISSIMO E LO RIBADISCO SINCHE' CAMPO), e altre storie simili; i turchi ormai a regime di fatto, protestano a piè sospinto nei confronti di uno stato che il mondo arabo nemmeno considera esistente. Quindi han fatto bene gli israeliani a difendere la loro libertà e bloccare un potenziale trasporto di armi.......l'ipocrisia pacifista o presunta tale, non dovrebbe nemmeno citare esempi millenari di vario genere; parliamo di uno stato in guerra perenne, per "divertimento" economico dei veri potentati economici.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog