Cerca

Espulsi tutti gli attivisti turchi. Gli italiani: "Ci hanno picchiato"

I quattro connazionali rientreranno a Milano e Roma in mattinata. E si lamentano pure di essere stati "maltrattati"

Espulsi tutti gli attivisti turchi. Gli italiani: "Ci hanno picchiato"
I nostri "pacifisti" stanno per rientrare in Italia. E anziché ringraziare il cielo di essere ancora interi dopo aver sfidato nientemeno che Israele, si lamentano pure del trattamento ricevuto.

Israele ha espulso quasi tutti gli attivisti della "Freedom Flotilla" fermati lunedì dalle forze armate israeliane nel corso di un blitz al largo della Striscia di Gaza. In totale erano circa 700 persone. In 488 sono giunti nella notte in Turchia ad Ankara dove 18 turchi e un irlandese ferito sono sbarcati per primi. Successivamente tre aerei della Turkish Airlines sono atterrati all’aeroporto Ataturk di Istanbul con a bordo gli altri 466 attivisti. Ad attenderli il vice premier turco Bulent Arinc, oltre a migliaia di persone che sventolavano bandiere turche e palestinesi e pronunciavano slogan anti israeliani. Su un velivolo c'era anche la salma di uno dei 9 membri della flottiglia uccisi durante il raid israeliano.  Solo 1 attivista turco è rimasto a Tel Aviv perché ferito gravemente.

L’arrivo degli italiani - A Istanbul sono arrivati anche gli attivisti italiani. Quattro di loro rientreranno in mattinata con voli su Milano e Roma.  Angela Lano, Giuseppe Fallisi e Ismail Abdel-Rahim Qaraqe Awin saranno imbarcati da Istanbul in direzione Malpensa alle 14.45 ora locale. Manuel Zani, invece, partirà per Roma con arrivo previsto alle 10.40. Infine Marcello Faracci è partito per Bruxelles e Manolo Luppichini dovrebbe partire da Tel Aviv.

Il racconto di Fallisi -
Quella che doveva essere una missione di pace si è trasformata un incubo per i sei italiani a bordo della  "Freedom Flotilla" .
Libero-news.itLibero-news.it

Fallisi racconta: «Ci picchiavano ad esempio se non ci sedevamo, e dopo averci picchiati ci mandavano i medici a visitarci».

Giuseppe Fallisi, arrivato a Istanbul, ha detto: «Ci picchiavano ad esempio se non ci sedevamo, e dopo averci picchiati ci mandavano i medici a visitarci – prosegue - Siamo stati portati in un carcere in mezzo al deserto, appena finito di costruire: sembrava lo avessero costruito apposta per noi. In prigione non ci sono state violenze, avevamo a disposizione anche una doccia». Fallisi racconta anche che Luppichini, l’unico rimasto in Israele per problemi con il passaporto, è rimasto coinvolto in una discussione con la polizia. L’uomo racconta che un ragazzo palestinese di nome Osama ha iniziato la discussione e che Manolo è intervenuto per difenderlo e così i poliziotti lo han portato via e da allora non l’ha più visto.

Siamo stati rapiti - Angela Lano, unica donna tra gli attivisti italiani ha raccontato che sia sulla nave sia in prigione non avevano diritti ed era come se fossero stati rapiti: «non potevamo fare telefonate, chiamare i nostri avvocati – spiega la Lano - Sono anni che mi occupo di Palestina ma la violenza che ho visto su quelle navi è stata incredibile. Ho già chiamato mio marito: ora è molto più tranquillo».

Una scena di un film - Manuel Zani, il più giovane dei sei attivisti, racconta invece come l’accaduto sembrasse una scena del film  “Apocalypse now”. «Vedere tutti quei soldati bardati, col volto coperto. Avevo paura ma per una po' mi sono goduto la scena. Quando abbiano capito che ci stavano per aggredire ci siamo separati in due gruppi. Io sono andato con i giornalisti nella cabina di pilotaggio per cercare di filmare quello che stava succedendo, ma ci hanno sequestrato tutto: ho perso diecimila euro di attrezzature e non so se le recupererò mai - spiega Zani  - In Israele non ci torno neanche morto ma voglio tornare in Palestina al più presto».

Intanto su Youtube spuntano i video dei "pacifisti" che chiedono il martirio. Guarda il video





La decisione dell’Italia - Il governo turco ha chiesto che lo stato ebraico venga punito per questa aggressione poiché si tratta di “un atto barbaro e piratesco”. Ieri anche l’Italia si è allineata con gli Stati Uniti e ha votato contro la risoluzione presa dal Consiglio dei diritti umani dell’Onu, approvata a Ginevra. La risoluzione chiede l’istituzione di una missione di inchiesta internazionale sull’assalto israeliano alla “Freedom Flottilla”.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • 4thknight

    05 Giugno 2010 - 12:12

    Tutti italiani D.O.C., che vanto per l'Italia...

    Report

    Rispondi

  • pasquino69

    04 Giugno 2010 - 14:02

    Ne hanno preso poche, dovevano spaccargli le ossa per un po' di tempo e li avrei lasciati a gaza nella striscia a loro congeniale. L'ONU e' la vergogna delle vergogne, dovrebbero scioglierlo, tanto non fa' nulla.La Turchia poi , la vogliono i nostri governanti in Europa???Ma sapete quello che fate, vi voto , ma non fate cazz***. Che stiano a casa loro, se vengono qui... MAMMA LI TURCHIIIIIIIIII!!!!! che fine che si andra' a fare.

    Report

    Rispondi

  • orez

    03 Giugno 2010 - 17:05

    Nessuno si è mai chiesto cosa si nasconde dietro il muro della falsa solidarietà Chi sono questi attivisti? Da chi sono organizzati? Quali interessi nascondono? Meditate gente non è tutto oro quello che luccica

    Report

    Rispondi

  • claudioF

    03 Giugno 2010 - 17:05

    E cosa si aspettavano?? Che gli israeliani gli avessero lanciato caramelle e tirato bacetti?? Che idioti!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog