Cerca

Al-Qaeda incita i suoi. "Rapite i reali arabi"

L'annuncio in un messaggio audio. L'obiettivo è rovesciare un Paese amico degli Usa

Al-Qaeda incita i suoi. "Rapite i reali arabi"

Torna a far sentire la sua voce al-Quaeda che, a distanza di due giorni dall’annuncio della possibile uccisione del suo numero 3 Al Masri (forse raggiunto in Afghanistan da una scarica di missili lanciati da un drone statunitense), lancia un appello ai propri affiliati in Arabia Saudita affinché tornino a minare la sicurezza della famiglia reale e di tutti i fedeli cristiani presenti nella penisola.dei prigionieri'', ha detto in un messaggio audio Saeed al-Shihri, leader di Al-Qaeda in Yemen, aggiungendo che Heila al-Qsayer, vedova di un militante di al-Qaeda ucciso sei anni fa dalle forze saudite, è stata arrestata a Qassim, a nord della capitale.

 

Libero-news.itL'Arabia rappresenta uno degli alleati strategici degli Stati Uniti. Il 24 marzo scorso fu smantellata una cellula con 113 terroristiLibero-news.it

''Diciamo ai nostri soldati: dovete rapire cristiani e principi della famiglia saudita e i loro ministri ed ufficiali per ottenere il rilascio

Un appello che testimonia l’interesse dell’associazione terroristica nei confronti di una nazione che, oltre alla massiccia presenza dell’oro nero, ha un valore altissimo per gli stati occidentali, in quanto rappresenta uno dei più fedeli alleati degli Stati Uniti. Per questo l’obiettivo primario di al-Qaeda è quello di cercare di rovesciare la leadership di Re Abdullah, divenuto il 1gennaio 2005 il sesto re della ricca penisola.

E gli inquirenti non escludono che in Arabia Saudita al-Qaeda stesse già programmando qualcosa di importante a distanza di sei dall’attacco a Riad nel novembre del 2003 o del fallito attentato petrolifero di Abqaib nel 2006. Infatti l’annuncio minatorio arriva a due mesi dal blitz delle autorità saudite che, lo scorso 24 marzo a nord di Riad, avevano sgominato una cellula terroristica composta da 113 militanti rinvenendo ingenti quantitativi di armi ed esplosivi. In quell’occasione si pensò che i principali obiettivi dei terroristi fossero le installazioni petrolifere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • autores

    04 Giugno 2011 - 18:06

    nel Regno d'Inghilterra e in Asia Sultanato non esiste Al Quaeda,ma non e' solo il Sultano dei Brunei che si offende a tale descrizione e lo capiamo fin troppo bene e in troppi che nello Yemen i ribelli sono dei piccoli sultani d'Asia contro i sauditi e i Presidenti dittatori.

    Report

    Rispondi

blog